Vai al contenuto

Scalvini infortunato, addio Europei: ginocchio a rischio

Pubblicato: 02/06/2024 21:48

Nel minuto 82 di una partita già segnata, un episodio imprevisto scuote lo stadio: un movimento anomalo nel tentativo di arginare lo scatto fulmineo di Ikonè provoca la caduta rovinosa di Giorgio Scalvini. Il difensore dell’Atalanta, visibilmente sofferente, viene immediatamente portato via in barella. La Fiorentina, che stava conducendo la gara con un 2-3 decisivo recuperato nella partita rinviata lo scorso 17 marzo, ha visto un finale segnato non solo dalla vittoria, ma anche dal tragico malore fatale del dirigente Joe Barone.
Leggi anche: Europei 2024: si comincia il 14 giugno, l’Italia esordisce il 15 contro l’Albania

Scalvini, seppur con grande difficoltà, riesce a sollevarsi e a lasciare il campo camminando, ma i timori di un infortunio gravissimo sono immediati. Le prime voci parlano di una possibile lesione del legamento crociato del ginocchio sinistro, una diagnosi che potrebbe tenere il giovane talento lontano dai campi per molto tempo.

Una giornata che doveva essere di festa per l’Atalanta, fresca vincitrice dell’Europa League, si è trasformata in un incubo. La preoccupazione non riguarda solo il club bergamasco, ma anche il CT della nazionale, Luciano Spalletti, che vede complicarsi i piani in vista dei prossimi Europei. Scalvini, classe 2003, era atteso proprio domani a Coverciano per unirsi al gruppo azzurro già al lavoro per la competizione continentale.

Nelle prossime ore, il difensore si sottoporrà agli accertamenti del caso, con una risonanza magnetica prevista per domani. In caso di conferma della gravità dell’infortunio, Spalletti potrebbe convocare Federico Gatti, che ha continuato ad allenarsi a Torino in attesa di una chiamata.

“Speriamo non sia la cosa peggiore, ovvero il crociato, per il quale occorrerebbero almeno sei mesi di recupero. Entro due ore farà la risonanza: purtroppo la dinamica dell’infortunio non è delle migliori,” ha commentato il tecnico dell’Atalanta, Gasperini. “Mi dispiace anche in ottica nazionale. È giovane, il primo infortunio della sua carriera, la prima delusione: lo rimetteremo in piedi meglio di prima.”

Il futuro di Giorgio Scalvini e il suo contributo agli imminenti Europei restano incerti, in un giorno che doveva celebrare il successo e che invece lascia spazio alla preoccupazione e alla speranza di un rapido recupero.

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 04/06/2024 14:19