Vai al contenuto

C’è Gesu all’addio al celibato. E arriva la Polizia. Come è finita la folle notte di un futuro sposo

Pubblicato: 03/06/2024 13:02

C’è modo e modo di festeggiare. Vale per qualsiasi cosa, da un compleanno a un traguardo importante a un successo sportivo. E, a maggior ragione, vale per quello che è un rito di passaggio a cui molte coppie in procinto di sposarsi si sottopongono: l’addio al nubilato o al celibato, a seconda che si parli di una lei o di un lui. Ma quello che è successo sabato sera della settimana scorsa a Jesolo probabilmente ha pochi precedenti. E non perché il futuro sposo e gli amici si siano lasciato troppo andare con l’alcol o con le immancabili (perlomeno nei film americani) spogliarelliste. Ma per un motivo diciamo così “mistico“. Accompagnato dai suoi “complici”, infatti, un ragazzo Trevigiano di Zenson di Piave ha deciso che il modo migliore per celebrare il suo addio alla scapolaggine fosse… vestirsi da Gesu. Con tanto di capelli lunghi (già in dotazione) e di folta barba (che nelle foto sembrerebbe posticcia, ma non potremmo giurarci). (continua dopo la foto)

Ma il giovane trevigiano non si è limitato a questo. Non contento, si è infatti caricato una Croce di legno sulle spalle e, accompagnato dagli amici, ha cominciato a sfilare un una bizzarra via Crucis improvvisata per le vie centrali della nota località balneare, nella zona di Piazza Marina. Davanti agli occhi stupefatti dei turisti. Qualcuno, però, non ha apprezzato l’iniziativa del gruppo e ha deciso di chiamare la polizia. Che ha interrotto la “processione”, ha sequestrato la Croce e, come da regolamento comunale, ha multato di 200 Euro il novello “Gesu” per atti irriverenti e blasfemi. Secondo quanto riportato dal quotidiano locale Il Gazzettino, il regolamento comunale è stato reso molto severo in casi come questo perché, a quanto pare, di gente che si diverte a celebrare le proprie imminenti nozze con iniziative discutibili come quella di sabato scorso ce ne sarebbe stata molta, negli ultimi anni. Per questo le autorità hanno deciso di correre ai ripari. Resta una domanda: non è più divertente passare la serata in qualche locale con gli amici, piuttosto che simulare una Via Crucis? Per quella, semmai, ci sarà tempo dopo le nozze…

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 03/06/2024 20:18