Vai al contenuto

Certezza astensione alle europee, il perché di una lontananza

Pubblicato: 04/06/2024 07:23

Il fenomeno dell’astensionismo, che rischia di raggiungere livelli storici nelle prossime elezioni europee, trova le sue radici in un contesto politico caratterizzato da un’assenza di dibattito concreto su temi rilevanti e dalla percepita distanza delle istituzioni europee. Come osservato da recenti analisi, l’attuale campagna elettorale manca di un’idea forte e coinvolgente che possa motivare gli elettori a partecipare.

La percezione di una lontananza dell’Unione Europea dalla vita quotidiana dei cittadini è un fattore determinante nell’aumento dell’astensionismo. Le istituzioni europee sono spesso viste come entità remote e incomprensibili, scollegate dalle reali esigenze dei cittadini. Questo distacco viene sfruttato dai partiti politici per evitare discussioni profonde su questioni europee, mascherando così le divisioni interne e le inefficienze che attraversano tutti gli schieramenti politici.

La disaffezione verso la politica è alimentata dalla povertà dell’offerta politica attuale. Il deterioramento dei partiti politici, ormai slegati da ideali e passioni, ha portato a una disintermediazione che ha disorientato gli elettori. I partiti non sono più in grado di rappresentare efficacemente le istanze delle diverse categorie sociali, lasciando un vuoto che viene colmato dalla protesta e dal disinteresse.

L’analisi del Censis evidenzia come la crisi economica e il declassamento sociale siano tra i principali fattori che alimentano l’astensionismo. Le politiche percepite come inefficaci e distanti dalle reali necessità della popolazione hanno spinto molti elettori verso il populismo e il sovranismo, esacerbando ulteriormente la disaffezione verso il voto. In particolare, le regioni più colpite dalla crisi economica, come il Lazio e l’Umbria, hanno visto un drastico calo dei redditi pro capite, rafforzando il sentimento di sfiducia verso le istituzioni.

Per invertire questa tendenza, i partiti devono tornare a impegnarsi in un dibattito serio e concreto su temi rilevanti per la vita quotidiana dei cittadini. Solo attraverso un coinvolgimento genuino e la proposta di soluzioni concrete si potrà recuperare la fiducia degli elettori e ridurre il fenomeno dell’astensionismo. La democrazia partecipativa richiede uno sforzo concertato per riattivare e modernizzare le culture politiche di riferimento, rendendo i cittadini nuovamente protagonisti del processo decisionale.

Il crescente astensionismo rappresenta una minaccia seria per la democrazia italiana ed europea. La mancanza di un dibattito concreto e la distanza percepita delle istituzioni europee sono tra i principali fattori che alimentano questo fenomeno. È essenziale che i partiti politici rispondano a questa sfida, impegnandosi in un dialogo serio e propositivo con i cittadini, per restituire loro la fiducia nelle istituzioni e nel processo democratico.

Continua a leggere su TheSocialPost.it