Vai al contenuto

Harry, complotto contro il principe: “Vogliono rubare il mio Dna”

Pubblicato: 04/06/2024 08:37
Harry complotto rubare Dna

Sono tanti anni ormai che intorno al principe Harry gira un pettegolezzo che non ha mai avuto nessun riscontro reale: il suo vero padre non sarebbe Re Carlo III, ma il maggiore James Hewitt che fu amante di Lady Diana negli anni Ottanta. Un mistero che, secondo lo stesso Harry, negli ultimi anni si sarebbe trasformato in un vero e proprio “complotto” ordito ai suoi danni: qualcuno vorrebbe rubare il suo Dna.
Leggi anche: “Vogliono toglierli i titoli reali”, l’incredibile rivelazione da Londra su Harry e Meghan

Tutti i sospetti di Harry

È stato lo stesso principe Harry a parlare di questo argomento nel suo libro di memorie ‘Spare’ uscito nel 2023. “Papà amava raccontare aneddoti, e…finiva sempre con qualche riflessione filosofica…‘Chissà se sono davvero il principe di Galles? – racconta Harry – Chissà se sono davvero tuo padre?…Poi scoppiava a ridere, anche se io non lo trovavo affatto divertente, considerando anche i pettegolezzi che circolavano sul fatto che il mio vero padre fosse…il maggiore James Hewitt. Una delle origini di queste voci erano i capelli rossi del maggiore Hewitt, ma un’altra era di sicuro il sadismo. I lettori dei giornali scandalistici erano deliziati all’idea che il figlio minore del principe Carlo non fosse suo figlio…Non aveva importanza il fatto che mia madre avesse conosciuto il maggiore Hewitt solo molto tempo dopo la mia nascita…Corse persino voce che alcuni giornalisti fossero a caccia del mio DNA per dimostrarla…”.

Il presunto complotto ai danni del principe

Ma davvero qualcuno avrebbe tentato di rubare il Dna del principe Harry per risalire alle sue presunte, vere origini? Il 6 giugno del 2023l’Alta Corte di Londra ha ricevuto una dichiarazione scritta in cui il duca dui Sussex ha accusato i giornalisti di aver organizzato addirittura un complotto per impossessarsi del suo Dna.Il principe in quella occasione ha fatto riferimento a un articolo pubblicato sul People il 15 dicembre 2002 e firmato da Dean Rousewell. Secondo Harry, per scrivere quel pezzo intitolato ‘Plot to rob the DNA of Harry’ (‘Il complotto per rubare il dna di Harry’), sarebbero state usate “tecniche illegali di raccolta informazioni”. Qualcuno avrebbe addirittura cercato di impossessarsi di una ciocca di capelli del duca per effettuare il test di paternità.

Diversi giornali avevano riportato un pettegolezzo secondo cui il mio padre biologico sarebbe James Hewitt, l’uomo con cui mia madre ebbe una relazione dopo la mia nascita. All’epoca di questo articolo e di altri simili. – ha scritto ancora Harry nella sua dichiarazione – Non ero consapevole del fatto che mia madre avesse incontrato il maggiore Hewitt dopo la mia nascita.

Ho appreso questa cronologia degli eventi intorno al 2014. Di particolare preoccupazione per me, in questo articolo, sono i commenti da parte di una ‘fonte reale di alto livello’ che fornì i dettagli sul modo in cui sarebbe stato portato avanti il presunto complotto e, cosa più importante, sul fatto che il mio dna sarebbe stato ‘venduto all’estero’. Non sono sicuro da dove o da chi siano stati ottenuti questi commenti, perché sono un rischio elevato per la sicurezza, in effetti mettono un prezzo sul mio dna per chiunque riesca a ottenerlo”.

Continua a leggere su TheSocialPost.it