Vai al contenuto

Arezzo, auto sbanda e sfonda la vetrata di un’aula: “Solo poche ore prima era piena di studenti”

Pubblicato: 07/06/2024 07:45

Un vero miracolo che non sia finita in tragedia. Solo due ore prima, quell’aula dell’agenzia formativa Erreffe Formazione era piena di studenti. Alle 00:30 un’auto si è schiantata nella vetrata, distruggendola completamente. “Alle 1:30 mi ha chiamato la polizia municipale per informarmi dell’accaduto. I vigili del fuoco avevano già rimosso il veicolo” racconta Fabio Fabrizio, titolare dell’agenzia con Rachele Fratini. “Dalle telecamere di sorveglianza si vede l’auto arrivare come un proiettile, colpire una colonna e poi finire nella vetrata. L’impatto è stato così forte che ha spostato il controsoffitto. L’aula è devastata” spiega Fabrizio.
Leggi anche: Rivelazione shock: antisemitismo, fascismo ed elogi ai terroristi nella chat del portavoce di Lollobrigida

Il problema è che siamo una sede accreditata dalla Regione Toscana. L’aula sarà impraticabile per un po’, costringendoci a rallentare i corsi. Danni alla struttura e disagi per la didattica, ma poteva essere molto peggio. “Fino a due ore prima, l’aula era piena di studenti. Non voglio nemmeno immaginare cosa sarebbe potuto succedere” continua. “Questa è una curva maledetta: già teatro di un incidente mortale. In due anni abbiamo visto ben sei incidenti; due volte sono state sfondate le saracinesche delle attività vicine, e altre due volte le nostre vetrate sono state colpite. In quelle occasioni, le protezioni sul marciapiede avevano rallentato la corsa delle macchine. Ma da quel giorno non sono più state rimesse.”

La situazione è pericolosa anche per i pedoni, soprattutto gli studenti dell’Itis che passano di qui ogni giorno. “Più volte abbiamo sollecitato il Comune. Ieri l’assessore Alessandro Casi è venuto a vedere cosa fosse successo e ha promesso che i pali di protezione verranno risistemati” aggiunge Fabrizio. Ieri in agenzia si è presentato anche il giovane che quella notte guidava l’auto, fortunatamente illeso. “È venuto a scusarsi, abbiamo apprezzato il gesto. Ha detto di aver perso il controllo del mezzo” conclude il titolare

Continua a leggere su TheSocialPost.it