Vai al contenuto

Cotolette del supermercato, ecco come vengono fatte davvero. “C’è una cosa che devi assolutamente sapere” (immagini forti)

Pubblicato: 07/06/2024 09:00
cotolette

Fai molta attenzione se acquisti delle cotolette pronte al supermercato. C’è una cosa importantissima che devi sapere. Ne ha parlato la dottoressa Daniela Biserni nel blog “Prevenzione a tavola”. Con un video pubblicato sul canale instagram, la dottoressa ha messo tutti in guardia sul modo in cui vengono realizzati questi prodotti e a cosa dobbiamo fare assolutamente attenzione. “Spesso – dice la dottoressa – vengono scelte perché sono davvero molto comode, ci mettono pochissimo tempo per essere pronte, e infatti sono o surgelate o in frigorifero”. Esistono in tante versioni, con spinaci, con formaggio e sono per molti italiani un piatto gradito e salva pasto, quando il frigo piange. Ma veniamo al punto. Avverte Biserni: “Guarda sempre l’etichetta! Gran parte di queste cotolette sono fatte con la cosiddetta carne separata meccanicamente. Questa deve essere indicata in etichetta oppure la potete trovare con la sigla CSM”. Ma cosa è? (Continua a leggere dopo il video)
Leggi anche: “Mi ha copiato”. L’accusa del prof Facciolo a Saviano: i due video a confronto

Come avverte la dottoressa Biserni le immagini mostrate nel video potrebbero urtare la sensibilità di qualcuno. Viene quindi mostrato il modo vero con cui viene fatta questa carne. Spiega la dottoressa Biserni: “È carne di bassa qualità, sono scarti degli allevamenti intensivi. Spesso vengono aggiunti anche tanto sale e tanti additivi. Per intenderci è lo stesso tipo di carne che spessissimo viene utilizzato anche nei wurstel”. Conclude la dottoressa: “Il mio consiglio è quello di evitare questi prodotti. Se volete mangiare un po’ di carne sceglietela di ottima qualità: poca ma buona”. Insomma, siamo certi che ora ci farete più attenzione. E che quando avrete desiderio di cotolette andrete a guardare bene l’etichetta. Ricordatevi la sigla a cui fare attenzione: CSM. Più in generale, è importante ridurre al minimo il consumo di prodotti surgelati. A volte è necessario per questione di tempo, ma non si deve esagerare.

Continua a leggere su TheSocialPost.it