Vai al contenuto

Il papà ha un infarto, il figlio muore tra le sue braccia: una famiglia distrutta, davvero terribile

Pubblicato: 07/06/2024 12:33

Un terribile dramma si è consumato a Skegness, nel Lincolnshire: un bambino di due anni è stato trovato morto tra le gambe del papà, un uomo di 60 anni, anch’egli deceduto. La scoperta è avvenuta dopo che alcuni vicini, preoccupati da un odore strano proveniente dall’appartamento, hanno allertato la polizia. Gli agenti, forzando la porta dell’abitazione, si sono trovati di fronte a una scena agghiacciante.

L’episodio è accaduto il 9 gennaio, e le circostanze della morte di padre e figlio sono ancora sotto inchiesta. Il piccolo Bronson Battersby è stato ritrovato rannicchiato tra le gambe del papà, Kenneth Battersby, il cui corpo giaceva dietro la porta del soggiorno. Sembrava che il bambino stesse dormendo, ma purtroppo non respirava. Le indagini preliminari indicano che Kenneth è morto per un infarto, mentre Bronson è deceduto alcuni giorni dopo per disidratazione.
Leggi anche: Simone Borgese, potrebbero esserci altre vittime: l’ipotesi agghiacciante

Bronson viveva con il padre dal 2022, dopo la separazione di Kenneth dalla compagna Sarah Piesse, che ora vive con gli altri due figli. Kenneth, disoccupato e con problemi cardiaci, era regolarmente visitato dagli assistenti sociali. Tuttavia, il 2 e il 4 gennaio, quando hanno bussato alla porta, non hanno ricevuto risposta. L’allarme è stato infine dato dai vicini, preoccupati perché non vedevano Kenneth uscire di casa da giorni.

Sarah, la mamma di Bronson, ha visto suo figlio per l’ultima volta pochi giorni prima di Natale, in occasione di una discussione con il suo ex compagno. Alla notizia della morte di Kenneth e del piccolo Bronson, Sarah è stata travolta dal dolore. “Se i servizi sociali avessero fatto il loro lavoro, Bronson sarebbe ancora vivo. Il mio bambino è morto di fame e di sete, è un dolore atroce. Non riesco a togliermi dalla testa il suo sorriso dolce e la sua gioia,” ha dichiarato disperata.

I familiari di Bronson lo ricordano come un bambino pieno di vita, con una passione per suonare la sua piccola batteria. “Proviamo molta rabbia,” hanno detto i parenti. “Bronson non meritava una fine simile. Speriamo che sia fatta giustizia.”

La comunità di Skegness è sotto shock e chiede risposte. Questo tragico evento ha messo in luce potenziali falle nel sistema di assistenza sociale, sollevando domande su come sia stato possibile che nessuno abbia intervenuto in tempo per salvare il piccolo Bronson. La speranza di tutti è che da questa tragedia nasca una maggiore attenzione e prevenzione per evitare che simili episodi possano ripetersi in futuro.

Continua a leggere su TheSocialPost.it