Vai al contenuto

Omicidio Tramontano, Impagnatiello e il tappeto lavato in lavatrice: il dettaglio che può costare la premeditazione

Pubblicato: 08/06/2024 09:19

I carabinieri hanno effettuato un nuovo sopralluogo nella casa di Giulia Tramontano, la 29enne uccisa il 27 maggio 2023 con 37 coltellate nella sua abitazione a Senago, nel Milanese. L’imputato per l’omicidio è il compagno Alessandro Impagnatiello. Su richiesta della Corte d’Assise di Milano, i militari hanno sequestrato la lavatrice e il tappeto presenti nell’appartamento.
Leggi anche: Usa: “Costretti ad aumentare l’arsenale nucleare se Cina e Russia continuano così”

Tappeto e lavatrice

Nella scorsa udienza, la Procura aveva ottenuto il permesso di eseguire un esperimento giudiziale su tappeto e lavatrice. Impagnatiello ha dichiarato che il tappeto era stato lavato in lavatrice la mattina dell’omicidio e per questo motivo non era presente nella sala dove Giulia è stata uccisa. Tuttavia, secondo la Procura, il tappeto sarebbe stato tolto appositamente prima del delitto.

Omicidio Tramontano, mentre lei comprava il corredino lui cercava su Internet "come uccidere feto"

La Corte di Assise di Milano ha autorizzato il dissequestro dell’abitazione di via Novella a Senago, mantenendo però sotto sequestro lavatrice e tappeto per un eventuale esperimento giudiziale. Durante l’interrogatorio, il pm Alessia Menegazzo ha posto domande specifiche a Impagnatiello riguardo al tappeto, che, sebbene si trovasse nel salotto dove Giulia è stata uccisa, non presentava tracce di sangue.

Impagnatiello ha affermato che il tappeto non era presente quella sera perché Giulia lo aveva lavato il giorno prima o il giorno stesso e lo aveva steso in balcone. A queste parole, la madre della vittima, presente in aula, ha manifestato il suo dissenso scuotendo la testa. Impagnatiello ha poi aggiunto: “Il tappeto è stato riposizionato da me dopo aver pulito. L’ho messo quando ho ricostruito l’appartamento e riordinato.”

L’ipotesi premeditazione

Quando gli è stato chiesto se il tappeto fosse asciutto dopo l’omicidio, il 31enne ha risposto: “Quella notte ha piovuto incessantemente. Il tappeto sarà stato probabilmente umido, ma non era fradicio o gocciolante.” La tesi dell’accusa è che l’uomo possa aver spostato il tappeto prima di compiere un delitto premeditato. L’obiettivo dell’esperimento, se autorizzato, sarà verificare se il tappeto possa effettivamente essere inserito nella lavatrice e lavato, come dichiarato da Impagnatiello. Questo esperimento potrebbe fornire ulteriori prove per stabilire la veridicità delle dichiarazioni dell’imputato e determinare se il delitto sia stato premeditato.

Continua a leggere su TheSocialPost.it