Vai al contenuto

Europee, affluenza al 24% alle 12: numeri più alti al Nord

Pubblicato: 09/06/2024 08:14

Per le elezioni europee alle 12 ha votato il 24,02% degli aventi diritto. Questo è quanto emerge dai primi dati del Viminale pubblicati sul portale ‘Eligendo’ e relativi a circa la metà delle 61.650 sezioni. L’affluenza alle 23 di sabato era stata del 14,64%

Affluenza intorno al 24% a mezzogiorno: bassissima nel Meridione

Alle 12 di oggi sono usciti i dati riguardanti l’affluenza sul territorio italiano. La più alta affluenza nella circoscrizione Nord Occidentale è arrivata al 28,90, la più bassa nell’Italia insulare, 16,50. Tutti i premier europei stanno incoraggiando il voto, come Sanchez: “Vogliamo un’Europa che continui a persistere nella sua risposta solidale alle sfide e alle crisi che ci attendono? Oppure optiamo per un’Europa reazionaria fatta di tagli e regressione? Per questo motivo ritengo sia importante che con il nostro voto decidiamo se vogliamo un’Europa che avanza o un’Europa che retrocede. E ovviamente spero che sia la prima. Penso che queste elezioni europee siano molto importanti ed è per questo che incoraggio il voto”.

Kriakos Mitsotakis, premier greco, si è unito all’appello: “Stiamo votando per una Grecia forte in un’Europa forte. Voglio sottolineare ancora una volta che le elezioni sono una celebrazione della democrazia e che maggiore è la partecipazione, più forti diventano i nostri valori democratici”.

È un’affluenza in calo, del 14,67%, quella che si è registrata nel primo giorno di voto con il quale gli italiani sono stati chiamati a scegliere i 76 eurodeputati che li rappresenteranno a Strasburgo. Non solo europee, si rinnovano anche presidente e consiglieri regionali del Piemonte e sindaci e consiglieri comunali di 3.698 Comuni, tra i quali Firenze, Bari, Cagliari, Perugia, Potenza, Campobasso, Pescara, Bergamo, Caltanissetta, Vibo Valentia. Oggi i seggi saranno aperti dalle 7 alle 23. Dopo la chiusura dei seggi, lo spoglio per le Europee, dalle 14 di lunedì lo spoglio per le amministrative.
Leggi anche: L’Italia alle urne, la sfida delle Europee: tutto quello che bisogna sapere

L’affluenza per le europee 2024 è in calo rispetto ai precedenti del 2009 e del 2004, quando si votò anche di sabato. Con il 75% delle sezioni esaminato, l’affluenza alle ore 23 è per ora ferma al 14,49%. Alle europee del 2009 l’affluenza alle 22 del sabato fu del 17,8%. Nel 2004 del 20,5%. Alle prime elezioni per l’Eurocamera, nel lontano 1979, andò alle urne l’85,7% degli aventi diritto, mentre quarant’anni dopo, nel 2019, quella percentuale era crollata al 54,7%, oltre trenta punti in meno. Insomma, se nel secolo scorso l’Italia era regolarmente tra i Paesi più “votanti” dell’Unione la differenza si sta assottigliando sempre di più, ed è possibile che a questo giro finiremo tra gli Stati sotto la media.

In Germania per le europee si affacciano al voto per la prima volta anche i 16enni. Gli adolescenti tedeschi chiamati al voto sono oltre 1,5 milioni, quindi circa lo stesso numero di tutti gli aventi diritto al voto in Lettonia e una cifra più alta di quelli registrati in ciascuno di altri quattro Paesi Ue (Estonia, Cipro, Lussemburgo e Malta). Assieme al Belgio, la Germania è stato l’ultimo Paese tra quelli che ammettono il voto agli under 18 tra cui vi sono anche Austria, Malta e Grecia, dove i governi riconoscono il diritto di voto anche a chi ha meno di 18 anni. Ma c’è ancora tempo per votare. Oggi le urne saranno aperte dalle 7 alle 23.

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 09/06/2024 14:22