Vai al contenuto

Amministrative, il centrodestra comanda con 14 regioni: 6 vanno al centrosinistra

Pubblicato: 11/06/2024 08:19

Le recenti elezioni regionali e comunali in Italia hanno portato a una netta conferma del centrodestra, che continua a mantenere il controllo sulla maggior parte delle regioni italiane. Con la rielezione di Alberto Cirio come presidente della regione Piemonte, la coalizione di centrodestra governa ora in 14 regioni, rafforzando la propria posizione a livello locale.

La vittoria di Cirio in Piemonte consolida il dominio del centrodestra su regioni chiave come Abruzzo, Basilicata, Calabria, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Sicilia, Trentino Alto Adige, Umbria e Veneto. Queste regioni rappresentano una vasta porzione del territorio italiano, dando al centrodestra una forte base di potere da cui influenzare la politica nazionale.

Dall’altra parte dello spettro politico, il centrosinistra mantiene il controllo su sei regioni: Campania, Emilia Romagna, Puglia, Sardegna, Toscana e Valle d’Aosta. Queste regioni, sebbene meno numerose, includono alcuni dei territori economicamente e culturalmente più influenti del paese. L’Emilia Romagna e la Toscana, in particolare, sono state storicamente roccaforti del centrosinistra, mentre la Campania e la Puglia continuano a rappresentare importanti centri di sostegno.

I risultati città per città: i ballottaggi

Le elezioni comunali hanno visto risultati misti, con alcuni comuni che si apprestano ad affrontare i ballottaggi, mentre altri hanno già confermato i loro leader al primo turno. A Avellino, il ballottaggio sarà necessario per decidere il nuovo sindaco. Antonio Gengaro, candidato del centrosinistra, ha ottenuto il 36,98% dei voti e affronterà Laura Nargi, rappresentante delle liste civiche, che ha raccolto il 32,49%. La competizione si prospetta serrata, e il risultato finale dipenderà molto dal supporto che ciascun candidato riuscirà a mobilitare nei prossimi giorni.

A Pescara, il centrodestra ha confermato la sua posizione di forza con la rielezione del sindaco uscente, Carlo Masci, che ha ottenuto il 50,95% dei voti al primo turno. Questa vittoria sottolinea la stabilità del centrodestra in una città chiave dell’Abruzzo. Il Partito Democratico si è confermato il primo partito in città, seguito da Fratelli d’Italia e Forza Italia, dimostrando che, nonostante la vittoria del centrodestra, esiste ancora una base significativa di supporto per il centrosinistra e i suoi alleati.

A Rovigo, la situazione è più complicata per il centrosinistra, che ha perso la sua presa sulla città. Il ballottaggio vedrà un confronto tra Valeria Cittadin, candidata del centrodestra, che ha ottenuto il 49,1%, e Edoardo Gaffeo del Movimento 5 Stelle, che ha raccolto il 28,09%. Questo risultato segnala una svolta significativa per Rovigo, dove il centrosinistra ha storicamente avuto un forte radicamento.

I risultati delle elezioni regionali e comunali del 2024 evidenziano una consolidata posizione di forza del centrodestra in Italia. Con il controllo di 14 regioni su 20, il centrodestra dimostra una solida capacità di attrarre e mantenere il supporto degli elettori a livello locale.

Il centrosinistra, sebbene continui a mantenere il controllo su alcune regioni strategiche, dovrà lavorare duramente per rafforzare la sua presenza e riconquistare il terreno perso. Le elezioni comunali hanno mostrato una tendenza simile, con il centrodestra che riesce a mantenere o espandere il suo controllo in diverse città, mentre il centrosinistra deve affrontare sfide significative.

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 11/06/2024 08:20