Vai al contenuto

“Deepfake”, l’Intelligenza Artificiale che ti ‘ruba l’identità’. Cosa non devi assolutamente fare

Pubblicato: 11/06/2024 14:27

Negli ultimi tempi, i progressi nell’intelligenza artificiale (IA) hanno portato alla nascita di innovazioni tecnologiche sorprendenti, tra cui i cosiddetti ‘deepfake’. Questa tecnica, che utilizza avanzati algoritmi di apprendimento automatico e reti neurali, è capace di creare video e audio falsificati molto realistici. Questi contenuti possono mostrare una persona mentre dice o compie azioni che non ha mai pronunciato o fatto. Il termine ‘deepfake’ nasce dall’unione di ‘deep learning’ (apprendimento profondo, una branca dell’IA) e ‘fake’ (falso).

La tecnologia dei deepfake opera attraverso l’impiego di reti neurali convoluzionali per analizzare enormi quantità di immagini di una persona. Questo permette al sistema di apprendere le caratteristiche distintive del volto, come i movimenti muscolari, le espressioni facciali e anche le tonalità vocali. Una volta che il modello ha raccolto sufficienti dati, è in grado di generare video falsi che sembrano autentici, sostituendo il volto di un individuo con quello della persona di destinazione. La qualità e l’accuratezza di questi video sono così elevate che, spesso, è difficile per l’occhio umano discernere tra un video vero e uno generato dall’IA.

L’uso più comune e preoccupante dei deepfake riguarda la creazione di contenuti per la disinformazione e la manipolazione. Personaggi pubblici, celebrità e persone comuni possono diventare soggetti di video compromettenti o controversi che non rappresentano la realtà. Questo fenomeno rappresenta una minaccia seria per la privacy, la sicurezza e la reputazione delle persone coinvolte. Oltre alla creazione di falsi contenuti, i deepfake possono essere sfruttati anche per fini malevoli come l’estorsione e la diffusione di notizie false, compromettendo la fiducia nelle informazioni che circolano online.

Considerata la capacità dei deepfake di generare video e audio fasulli così realistici, è cruciale adottare misure di precauzione contro l’uso improprio dell’Intelligenza Artificiale, specialmente quando si condividono contenuti personali sui social media o su Internet. Ogni foto o video pubblicato può essere potenzialmente utilizzato per realizzare un deepfake, esponendoci a rischi di disinformazione e violazione della privacy. È quindi fondamentale essere consapevoli delle impostazioni di privacy sui nostri profili social, limitare la quantità di informazioni personali che rendiamo pubbliche e prestare attenzione alle fonti dei contenuti che visualizziamo online.

Educare se stessi e gli altri sulle tecnologie deepfake e sui pericoli associati può contribuire a creare una comunità digitale più sicura e informata. Le piattaforme social e le autorità stanno sviluppando strumenti e normative per identificare e combattere i deepfake, ma la difesa primaria rimane la consapevolezza individuale. Essere prudenti con i nostri dati personali e rimanere attenti ai contenuti digitali sono passi fondamentali per proteggere noi stessi e la società dalle minacce poste dalla tecnologia deepfake.

Continua a leggere su TheSocialPost.it