Vai al contenuto

Svaligiata la boutique Chanel sugli Champs-Elysées: bottino tra i 6 e i 10 milioni

Pubblicato: 11/06/2024 10:13

Parigi sotto choc: svaligiata la boutique Chanel vicino agli Champs-Elysées. Questa mattina all’alba, la tranquillità dell’elegante avenue Montaigne è stata infranta da un audace colpo messo a segno da una banda di malviventi. Utilizzando un’auto-ariete, i rapinatori hanno sfondato la vetrina principale della prestigiosa boutique Chanel, fuggendo poi con un bottino stimato tra i 6 e i 10 milioni di euro.
Leggi anche: Uomo trovato morto in una risaia nel Milanese
Leggi anche: Intelligenza artificiale: è scontro tra Apple e Elon Musk

L’assalto è avvenuto poco dopo le 5 del mattino, come riferito da fonti della polizia. La banda ha utilizzato un primo veicolo per penetrare nel negozio, rompendo la vetrina principale. Successivamente, i malviventi sono fuggiti a bordo di un secondo veicolo, portando con loro una quantità ingente di merce preziosa. Prima di darsi alla fuga, hanno incendiato l’auto-ariete utilizzata per sfondare la vetrina, complicando ulteriormente le indagini della polizia.

I precedenti

Questo clamoroso furto avviene in un periodo già segnato da episodi simili. Solo poche ore prima, un maxi furto è stato perpetrato nella gioielleria Bulgari di via Condotti a Roma. I rapinatori, entrando attraverso un buco nel pavimento che li ha condotti a un locale di servizio, hanno spaccato le vetrine e rubato gioielli per un valore di circa 500mila euro. Anche questa gioielleria, nota in tutto il mondo, è stata spesso bersaglio di ladri in passato.

Era infatti il 2014 quando un raid portò via gioielli per un valore di 100mila euro dalla stessa boutique Bulgari, dopo che i ladri avevano forzato le vetrine con una mazzetta da muratore. Ancora più clamoroso il tentativo di furto avvenuto il 3 maggio 2006, quando una banda tentò di sfondare la vetrina della storica sede con un carro attrezzi rubato e modificato appositamente per il colpo. Fortunatamente, le vetrine resistettero ai violenti urti, permettendo al personale di mettere in salvo i gioielli.

Più recentemente, il 16 maggio, durante un blitz degli ambientalisti, le vetrine della stessa gioielleria Bulgari sono state imbrattate con della vernice, segno che la sicurezza di questi prestigiosi negozi continua ad essere messa a dura prova.

In entrambi i casi, la polizia è al lavoro per individuare i responsabili di questi audaci colpi. L’uso di tecniche sempre più sofisticate e di mezzi pesanti per i furti evidenzia la crescente audacia delle bande criminali, che non esitano a mettere a segno furti spettacolari nelle boutique più lussuose d’Europa.

Continua a leggere su TheSocialPost.it