Vai al contenuto

Grande spavento per l’atleta italiana agli Europei. Si sente male in gara e si porta le mani al petto. Come sta ora

Pubblicato: 12/06/2024 10:24

Durante la corsa dei 1.500 metri femminili di domenica sera, agli Europei di atletica in corso di svolgimento a Roma, si sono vissuti attimi di grande paura per la salute della nostra mezzofondista Ludovica Cavalli. Ventitre anni, genovese, Ludovica si era regolarmente presentata alla partenza dopo essersi qualificata per la finale dei 1.500. Un traguardo prestigioso, che la confermava fra le migliori atlete europee sulla distanza. Purtroppo, dopo una buona partenza in cui correva tranquillamente insieme al gruppo delle migliori, l’atleta italiana ha cominciato a perdere terreno, finendo staccata di diversi metri dalle altre concorrenti. In un primo momento, nessuno ha capito a cosa fosse dovuto il cedimento improvviso della Cavalli in una fase ancora tranquilla della gara. (continua dopo la foto)

Che ci fossero problemi si è capito quando Ludovica si è ulteriormente staccata dalle altre atlete, accumulando un ritardo apparentemente inspiegabile in una gara su una distanza che, per sportivi di questo livello, è relativamente breve. Si era anche pensato che un dolore muscolare o un piccolo infortunio potessero aver frenato la corsa della nostra rappresentante, e che la Cavalli avesse generosamente deciso di concludere ugualmente la finale senza ritirarsi. Invece il problema era più grave. Subito dopo aver raggiunto il traguardo con una trentina di secondi di ritardo – un’enormità non spiegabile con un semplice cedimento atletico – sul gruppo delle sue colleghe, Ludovica, che aveva lo sguardo assente e sembrava muoversi a fatica, si è portata la mano al petto ed è crollata a terra. L’atleta azzurra ansimava e faticava visibilmente a respirare. Subito soccorsa dal nostro staff medico, Cavalli è stata caricata su una sedia a rotelle e portata in ospedale per accertamenti. (continua dopo la foto)

Per fortuna le condizioni della 23enne genovese sono migliorate abbastanza in fretta, anche se l’atleta si dovrà sottoporre a una serie di esami di controllo. Ora la mezzofondista azzurra sta bene ed è tornata a casa. “Durante l’allungo per andare alla partenza”, ha spiegato poi Ludovica, “il mio cuore è andato in tachicardia e non sono riuscita a rallentare il battito prima di partire”. La nostra coraggiosa rappresentante, nonostante non fosse in perfette condizioni fisiche, aveva deciso di onorare ugualmente la finale della sua specialità. Ma durante la corsa la situazione è peggiorata. “Dopo un giro sono andata in iperventilazione e non ho più saputo gestire la situazione. Ora faremo tutti gli accertamenti del caso per capire che cosa è successo”. In bocca al lupo, Ludovica!

Continua a leggere su TheSocialPost.it