Vai al contenuto

Pesce surgelato, ecco qual è il migliore e come sceglierlo. I consigli dell’esperta

Pubblicato: 13/06/2024 11:28
pesce surgelato

Qual è il miglior pesce surgelato da scegliere al supermercato? Per prima cosa occorre fare un distinguo tra surgelato e congelato. Nel linguaggio comune li consideriamo sinonimi, ma così non è. Entrambi i processi portano il cuore del prodotto a –18°C e lo mantengono a questa temperatura. La differenza, però, sta nel fatto che i pesci surgelati vengono confezionati in piccole porzioni, riposti nelle scatole che poi acquistiamo al supermercato e portati a basse temperature in appositi tunnel di raffreddamento. I congelati, invece, sono commercializzati in grosse confezioni e venduti all’ingrosso. Detto questo, torniamo alla domanda iniziale. Secondo gli esperti, i migliori pesci surgelati sono i filetti di merluzzo nordico, di nasello, di orata o branzino, e questo perché in genere non contengono additivi. La cosa più importante da fare al momento dell’acquisto, infatti, è leggere attentamente l’etichetta. Quando pensiamo al pesce di qualità tendiamo a credere che debba per forza essere fresco di pescheria. Tuttavia anche il pesce surgelato contiene le stesse sostanze nutritive, basta sapere cosa scegliere al supermercato. La Dottoressa Daniela Biserni, nutrizionista, ha pubblicato un video in cui ha svelato un dettaglio presente sull’etichetta a cui bisogna prestare attenzione quando si acquista del pesce surgelato nei supermercati. Ecco, quindi, come scegliere quello di qualità migliore. (Continua a leggere dopo il video)

Nel caso del pesce surgelato c’è un dettaglio a cui è molto importante prestare attenzione sull’etichetta delle confezioni. La Dottoressa Daniela Biserni spiega che bisogna preferire quello che ha un solo ingrediente, ovvero il pesce stesso, ancora meglio se pescato. “In questo modo, si può essere sicuri di star acquistando un prodotto privo di altri elementi aggiunti”. Ad esempio, infatti, c’è da stare più attenti ai cosiddetti “trasformati”, come gli anelli di totano, le code di gambero e i preparati misti per antipasti, ma anche risotto o zuppa di pesce: questi prodotti sono infatti ricchi di conservanti. E i bastoncini impanati? Pensate che contengono solo il 60% circa di pesce. Alcuni piatti pronti come le linguine allo scoglio contengono invece troppi ingredienti (fra cui sale, aromi e grassi).

Leggi anche: “Nella monnezza”. Salis, le frasi choc contro i poliziotti. Cosa spunta dalle carte delle condanne

Continua a leggere su TheSocialPost.it