Vai al contenuto

Milano, il rogo partito da un’autofficina. Il titolare: “Maneggiavamo il gasolio, è esploso tutto”

Pubblicato: 14/06/2024 20:30

I vigili del fuoco, intervenuti prontamente, hanno comunicato che tre persone sono decedute e altre tre sono rimaste ferite in un appartamento situato al terzo piano dell’edificio. Le squadre di emergenza sono state dispiegate dalla sede di via Sardegna e sono state presto supportate da ulteriori unità provenienti dalla centrale operativa di via Messina.

Una tragedia familiare, perché le vittime sono Silvano Tollardo (67 anni), sua moglie Carolina De Luca (63) e il loro figlio Antonio (34). Il fumo appiccicoso, secondo una prima ispezione del medico legale, li ha soffocati tutti e tre. I loro corpi sono stati recuperati carbonizzati. Tra i feriti quattro persone, tra i 39 e gli 89 anni, che vengono soccorse e smistate in vari ospedali. Tra loro c’è anche un dipendente dell’officina (ustionato), luogo in cui tutto è iniziato, il titolare: “Stavamo armeggiando con il gasolio, e poi è esploso tutto”.

MILANO – Un devastante incendio è divampato intorno alle 19 di oggi in un’autofficina situata in via Fra’ Galgario, nel quartiere Gambara. Le fiamme si sono propagate rapidamente, avvolgendo completamente l’autofficina e poi raggiungendo i primi tre piani di un condominio adiacente, che è stato immediatamente evacuato.

Le operazioni di soccorso sono state complesse a causa dell’intensità del rogo e delle difficoltà di accesso al condominio. Sul luogo sono giunte anche diverse ambulanze e mezzi di soccorso che hanno prestato le prime cure ai feriti e trasportato le persone in ospedale.

Come progrediscono le indagini

Nelle prossime ore, in procura verrà aperto un fascicolo con le ipotesi di omicidio colposo, disastro e incendio colposo. Il titolare dell’officina sarà iscritto a garanzia per consentire lo svolgimento degli accertamenti necessari a chiarire la dinamica e le eventuali responsabilità. Gli investigatori stanno valutando diverse ipotesi, tra cui la possibilità che qualcuno, tra i lavoratori presenti al piano stradale, possa aver compiuto una manovra rischiosa, forse mentre maneggiava materiale infiammabile.

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 15/06/2024 17:39