Vai al contenuto

Bambina di 8 anni si sente male in volo, aereo costretto ad atterraggio d’emergenza. Muore poco dopo

Pubblicato: 18/06/2024 18:38

Il malore improvviso in volo, poi l’atterraggio d’emergenza nello scalo più vicino e l’arrivo dei medici. Una normale vacanza si è trasformata in tragedia per la famiglia di una bambina statunitense di 8 anni, morta giovedì scorso dopo aver accusato un malore a bordo di un volo SkyWest partito da Joplin, in Missouri, e diretto a Chicago, in Illinois (Stati Uniti), dove la piccola doveva trascorrere qualche giorno insieme ai genitori e al fratello.

Da quanto riportano le autorità statunitensi la bambina avrebbe perso conoscenza dopo circa 45 minuti dal decollo, senza riuscire a riprendersi. A causa delle sue gravi condizioni, il pilota ha chiesto e ottenuto la possibilità di effettuare un atterraggio di emergenza nell’aeroporto più vicino, cambiando rotta per dirigersi verso lo scalo di Peoria.
Leggi anche: Egitto: pilota della compagnia Sky Vision muore in volo, atterraggio d’emergenza in Arabia Saudita

A terra erano pronti ad intervenire vigili del fuoco, polizia, medici e infermieri, che hanno subito praticato delle manovre di salvataggio, constatando già da subito però le condizioni gravissime della piccola, motivo per cui è stata trasferita d’urgenza all’ospedale, dove poi è stata dichiarata morta. Come sottolineato dalle autorità statunitensi: “La sua famiglia ha immediatamente informato delle sue condizioni il personale di volo, che ha iniziato a prestarle rapidamente soccorso. Quando l’aereo è atterrato, gli agenti, il personale medico e i vigili del fuoco hanno immediatamente accolto la bambina di 8 anni e hanno iniziato le misure salvavita prima del trasporto in ospedale dove è stata dichiarata morta nonostante i tentativi di rianimazione”.

Una prima autopsia, eseguita lo scorso venerdì 14 giugno, non è riuscita a stablire chiaramente quali sono state le cause del decesso. Il medico legale ha fatto sapere che sono in programma esami del sangue, istologici, tossicologici e biopsia, al termine dei quali, non prima di un mese, si augura di poter fornire alla famiglia della bimba una spiegazione sul tragico accaduto.

Continua a leggere su TheSocialPost.it