Vai al contenuto

“Serve la ghigliottina per i ricchi”. Choc in diretta: la “proposta” di Cremaschi che gela tutti

Pubblicato: 22/06/2024 10:29
Cremaschi

Giorgio Cremaschi, storico sindacalista e politico, oggi attivista di Potere al popolo, è balzato agli onori della cronaca per aver detto una cosa davvero forte durante la puntata del 19 giugno de “L’aria che tira” su La7. Cosa ha detto Cremaschi per fare così tanto rumore e scatenare la bufera? “Siamo una società che sta tornando al Medioevo: si distrugge il pubblico, si distruggono i diritti. I ricchi sono ricchi perché se lo meritano. I poveri sono poveri perché non si sono dati da fare”, la premessa. Poi la sparata: “Bisogna che i ricchi ricomincino ad avere paura”. E poi: “Sento il bisogno della ghigliottina. Ha risolto tanti problemi dell’umanità. I ricchi devono avere paura di perdere quello che hanno”. Una frase che ha lasciato di stucco il conduttore David Parenzo e gli ospiti presenti, tra i quali Alessandro Cecchi Paone.
Leggi anche: Obbligo vaccinale, Borgonovo pubblica i verbali del Cts: ecco cosa scrivevano pochi giorni prima del decreto

Lo stesso Cecchi Paone ha commentato duramente le parole dell’esponente di Potere al popolo: “Cremaschi ha dato una lettura completamente sbagliata di quella che è stata la rivoluzione francese: nell’Ancien Regime la ghigliottina non colpiva i ricchi borghesi ma colpiva gli ecclesiastici e i nobili parassitari”. La discussione si anima ancora di più a quel punto, con Cremaschi che cerca di interrompere l’interlocutore e Cecchi Paone che perde la pazienza: “Fascista, intollerante!”. E Parenzo che deve fare di tutto per

Continua a leggere su TheSocialPost.it