Vai al contenuto

Gasparri e Christian Raimo, volano stracci: “Dice che bisogna picchiare”, e l’altro: “Lei picchiava negli anni ’70”

Pubblicato: 25/06/2024 20:25

Un vivace scontro verbale ha animato la trasmissione “L’aria che tira” su La7, condotta da David Parenzo, tra il capogruppo di Forza Italia al Senato, Maurizio Gasparri, e lo scrittore ed esponente di Alleanza Verdi Sinistra, Christian Raimo. Il dibattito, incentrato sulle recenti dichiarazioni di Giorgia Meloni riguardo i toni violenti delle opposizioni durante il dibattito parlamentare sull’Autonomia differenziata, è rapidamente degenerato in un’accesa discussione personale.

Durante la diretta, Gasparri ha ricordato un provvedimento disciplinare del ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, contro Raimo per alcune frasi pronunciate in una precedente trasmissione televisiva. In quell’occasione, si discuteva della vicenda di Ilaria Salis e Raimo aveva fatto delle dichiarazioni controverse sui neonazisti. “Fa il professore e dice che bisogna picchiare le persone,” ha accusato Gasparri, puntando il dito contro Raimo.

La risposta di Raimo non si è fatta attendere: “Lei le picchiava negli anni ’70.” Questa battuta ha infiammato ulteriormente Gasparri, che ha replicato furiosamente: “Io la querelo per questa affermazione, si scusi subito. Lei ha fatto l’apologia della violenza.”

Le parole di Raimo, che in precedenza aveva già sollevato polemiche per i suoi commenti sugli ultras della Lazio e sui neonazisti, hanno riacceso il dibattito sulla libertà di espressione e i limiti del linguaggio pubblico. Gli spettatori hanno assistito a uno scambio di accuse che ha portato la tensione in studio alle stelle.

Gasparri, noto per la sua lunga carriera politica e per le sue posizioni ferme, ha insistito sul fatto che le affermazioni di Raimo fossero inaccettabili e meritevoli di azioni legali. Raimo, da parte sua, ha cercato di difendere le sue posizioni, ma le sue parole hanno alimentato ulteriormente la controversia.

Questo scontro televisivo riflette il clima politico sempre più polarizzato in Italia, dove le discussioni su temi cruciali come l’Autonomia differenziata e la gestione delle questioni sociali e culturali spesso sfociano in confronti aspri e personali. La trasmissione di Parenzo, nota per dare spazio a dibattiti vivaci e talvolta polemici, ha ancora una volta dimostrato quanto siano profonde le divisioni tra le varie fazioni politiche del Paese.

Mentre si attendono eventuali sviluppi legali dalle minacce di querela di Gasparri, resta da vedere se l’incidente avrà ulteriori ripercussioni sul dibattito pubblico e sulle relazioni tra le forze politiche italiane. La tensione tra esponenti di diverse fazioni sembra destinata a crescere, alimentando ulteriormente le discussioni sui temi caldi del panorama politico nazionale.

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 25/06/2024 20:26