Vai al contenuto

Vera Slepoj, la procura di Padova apre un fascicolo per omicidio colposo

Pubblicato: 25/06/2024 19:32

La comunità accademica e intellettuale è stata scossa dalla notizia della morte improvvisa di Vera Slepoj, rinomata psicologa e scrittrice. Il 21 giugno, la Slepoj è stata trovata priva di vita dalla governante nel suo appartamento nel cuore di Padova. In seguito a un esposto presentato dalla famiglia, la procura ha aperto un fascicolo per omicidio colposo, avviando un’indagine volta a chiarire le circostanze di questa perdita inaspettata.
Leggi anche: Addio a Vera Slepoj, la grande scrittrice trovata morta in casa: il cordoglio del mondo dello spettacolo

Una morte poco chiara

Vera Slepoj, settantenne in apparente buona salute, aveva recentemente condiviso con amici e colleghi il suo sentirsi in ottima forma, nonostante qualche sporadico problema di salute. Questo ha reso il suo decesso ancora più sconvolgente. L’assenza di indagati al momento sottolinea la necessità di un esame autoptico per fornire risposte concrete e delineare la direzione delle indagini.
Leggi anche:14enne ha mal di testa, secondo i genitori è colpa del cellulare. Invece ha qualcosa di ben più grave

La vita e la carriera di Vera Slepoj

Nata a Portogruaro, Vera Slepoj si era laureata in Psicologia all’Università di Padova, con una tesi sulla devianza e i meccanismi di controllo sociale. La sua specializzazione in psicoterapia individuale e di gruppo e in sofrologia medica aveva consolidato una carriera brillante e poliedrica. Negli anni Ottanta, la Slepoj iniziò a scrivere per la rivista “Riza Psicosomatica”, aprendo la strada a collaborazioni con numerosi quotidiani, settimanali e mensili, attraverso i quali diffondeva le sue riflessioni e analisi.

Docente di Sociologia della Salute all’Università di Siena, psicoterapeuta per il Palermo Calcio negli anni Novanta, e presidente della Federazione Italiana Psicologi, la Slepoj ha avuto una carriera ricca di successi e riconoscimenti. A livello internazionale, ha presieduto l’International Health Observatory, contribuendo in modo significativo al dialogo globale sulla salute mentale.

L’impegno politico e sociale

L’impegno della Slepoj non si limitava all’ambito accademico. Nel 1999, si candidò alle elezioni europee con Alleanza Nazionale e, nel 2006, al Senato con l’Udc. Fu consigliere per l’Authority per il Volontariato e per il Ministro delle Comunicazioni, e dal 1999 al 2004, ricoprì il ruolo di assessore alla cultura, musei e servizi sociali della Provincia di Padova.

Autrice di undici libri, uno dei quali tradotto in francese, Vera Slepoj ha lasciato un’impronta indelebile nel campo della psicologia e della cultura. La sua capacità di coniugare ricerca scientifica, divulgazione e impegno sociale le ha permesso di diventare una figura di riferimento per generazioni di studenti e professionisti.

L’importanza dell’autopsia

La famiglia Slepoj, in attesa del nulla osta per la sepoltura, mantiene un rispettoso silenzio, mentre amici e colleghi si preparano a rendere omaggio a una donna che ha dedicato la sua vita alla comprensione della mente umana e al miglioramento della società. L’autopsia sarà un passo cruciale per chiarire le cause di una morte che ha lasciato molti senza parole.

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 25/06/2024 19:56