Vai al contenuto

Alice Schembri morta suicida dopo lo stupro di gruppo: due membri del branco condannati ai servizi sociali

Pubblicato: 01/07/2024 14:43
Alice Schembri condannati servizi sociali

Rabbia e indignazione dopo la sentenza pronunciata dal giudice di Palermo per il caso della morte di Alice Schembri. La ragazza, che all’epoca dei fatti aveva 17 anni, nel 2017 decise di togliersi la vita dopo aver subito una violenza sessuale di gruppo. Due dei quattro accusati della violenza sessuale sono stati condannati a un periodo di lavoro di pubblica utilità in una struttura assistenziale.
Leggi anche: Condannato per lo stupro di una 12enne, van de Velde sarà alle Olimpiadi: “Non sono un mostro”

I due giovani accusati, che oggi hanno entrambi 26 anni, all’epoca dei fatti (tra il 2014 e il 2015) erano minorenni. Per questo motivo nei loro confronti non verrà celebrato un processo, come invece aveva chiesto il pm al Tribunale dei minorenni di Palermo. Processo invece in corso per gli altri due imputati, che sono sempre stati maggiorenni.
Leggi anche: La attirano a casa promettendole droga, ma la violentano in tre: lei fugge gettandosi dalla finestra

L’ultimo messaggio di Alice Schembri

Alice Schembri si era suicidata buttandosi giù dalla Rupe Atenea di Agrigento il 18 maggio del 2017. Quel gesto estremo era stato compiuto in seguito al manifestarsi di una grave depressione collegata a quello stupro avvenuto due anni prima. Quella terribile storia fu ricostruita dalla polizia di Agrigento attraverso l’analisi dei cellulari degli amici della vittima.

“Nessuno di voi sa e saprà mai con cosa ho dovuto convivere. – questo il post che Alice Schembri pubblicò su Facebook poco prima di farla finita – Quello che mi è successo non poteva essere detto, io non potevo e questo segreto dentro di me mi sta divorando” . La ragazza ha anche rivelato di aver provato a convivere con il suo dramma, “e in alcuni momenti ci riuscivo così bene che me ne fregavo, ma dimenticarlo mai… non potrò averla vinta mai, come però non posso continuare a vivere così, anzi a fingere così…”.

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 03/07/2024 15:24