Vai al contenuto

Bari, bimbo di 3 anni si perde in campagna: ritrovato sotto un albero dai carabinieri

Pubblicato: 03/07/2024 22:56

Nel tardo pomeriggio di ieri, 2 luglio, si è verificato un episodio che ha tenuto in apprensione una comunità intera. Un bambino di appena tre anni si è allontanato dalle campagne di Triggiano, in provincia di Bari, approfittando di un momento di distrazione della madre. La famiglia si trovava nei pressi di un terreno di loro proprietà quando il piccolo, approfittando di un attimo in cui la madre non era attenta, si è allontanato.
Leggi anche: Ritrovata in Germania la bimba di 8 anni scomparsa a San Giovanni Teatino

Cosa è successo

Subito dopo essersi accorta della scomparsa del figlio, la madre ha allertato le autorità. Sul posto sono intervenuti rapidamente i carabinieri della compagnia locale. Il bambino, perdutosi nelle campagne, non riusciva a trovare la strada del ritorno. La centrale operativa, dopo aver ricevuto la chiamata d’emergenza, ha mobilitato tutti i carabinieri disponibili nella zona per avviare immediatamente le ricerche. I militari si sono dispiegati rapidamente nell’area circostante, scandagliando ogni angolo delle campagne circostanti.

Dopo circa un’ora di intense ricerche, l’angoscia della famiglia è stata finalmente alleviata: il bambino è stato ritrovato. Era assopito sotto un albero, in un angolo nascosto del terreno. Fortunatamente, il piccolo sembrava essere in buono stato di salute, nonostante l’esperienza potenzialmente traumatica. I carabinieri, rassicurati dalle apparenze, hanno comunque deciso di trasferirlo all’ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari per un controllo medico approfondito.

I medici dell’ospedale hanno confermato che il bambino fosse in buona salute. L’episodio ha messo in luce l’importanza della rapidità e dell’efficienza degli interventi delle forze dell’ordine in situazioni di emergenza. La comunità di Triggiano è stata profondamente sollevata dal lieto fine della vicenda, che avrebbe potuto avere conseguenze ben più gravi.

Continua a leggere su TheSocialPost.it