Vai al contenuto

“Inizio a picchiare tutti quanti!”. Porro perde le staffe, cosa succede a Quarta Repubblica

Pubblicato: 03/07/2024 10:43
Porro

Quando si inizia a parlare di Ilaria Salis e occupazione abusive, durante la puntata del 1° luglio di “Quarta Repubblica“, su Rete4. i toni si scaldano e anche il conduttore Nicola Porro perde la pazienza. Tra gli ospiti del talk c’è anche Annamaria Addante, presidente dell’associazione inquilini e proprietari Ater Roma, che incalza: “La legalità non significa prendere qualcosa a un altro che ha più diritto di te ad averla. Questa è rapina!”. Il ruolo da “giustiziera sociale” rivendicato dalla neo-eurodeputata di Alleanza Verdi e Sinistra, insomma, non regge. “Vai a denunciare la Salis – provoca Piero Sansonetti, direttore dell’Unità -. Perché ce l’hanno con lei? Sai quanti deputati hanno una condanna definitiva? Non ha carichi pendenti in Italia, non ha denunce né condanne. Se mi porti la prova che ha commesso una illegalità ne discutiamo”. Lo scontro si fa sempre più acceso. “Per quale motivo la Salis ha occupato una casa? – replica la Addante – Ci abita lei, ha 90mila euro di debiti!”. A quel punto parte la rissa verbale…
Leggi anche: Un’auto da 4,5mln di euro. La rivelazione su Zelensky che fa scoppiare la bufera. Cosa hanno scoperto
Leggi anche: Quarta Repubblica, Ariel Dumont cade in studio a fine puntata

Porro inizialmente tenta di calmare gli animi: “Non riesco a capire perché in questo studio non si riesca a dire una cosa molto semplice: queste persone in quelle case non ci devono stare. Con la Salis c’entra perché ha occupato due case! Se la mettete sul personale vado su altro, non me ne frega niente, non so nemmeno chi siano le persone che citate. Qua c’è un problema!“. Poi incalza la Addante: “Perché questa signora non può parlare? Faccio il conduttore e non sono riuscito a sentire un suo ragionamento. La volete fare parlare?”. Dai sinistri allora si rilancia l’idea di occupare le case e darle a chi è ancora in attesa e in graduatoria. A quel punto Porro sobbalza: “Io con questo criterio mi trasformo in Charles Bronson! Quando la prossima volta vedo qualcuno che fa casino in metropolitana o l’ordine pubblico non c’è inizio a picchiare tutti quanti! Occupiamo, famo, sembra un film dei Grandi mostri!”.

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 08/07/2024 08:32