Vai al contenuto

Mia malata a 22 anni. La diagnosi di tumore scambiata per una infezione: “Potevo morire”

Pubblicato: 04/07/2024 19:40

Mia Robins, una studentessa inglese di 22 anni, ha vissuto una storia incredibilmente difficile con la sua diagnosi di cancro ovarico, che inizialmente era stata scambiata per un’infezione urinaria. Mia, originaria di Liverpool, ha iniziato a soffrire di sintomi come forte mal di schiena, stanchezza, perdita di peso e caduta dei capelli nel dicembre 2021. Nonostante le visite mediche ripetute, le sue condizioni erano state liquidate come alopecia, anemia e infezione delle vie urinarie.

Solo nel giugno 2022, dopo un’ecografia, è stato scoperto che Mia aveva un tumore ovarico delle dimensioni di un melone. Questa diagnosi tardiva ha portato a un intervento chirurgico urgente per rimuovere il tumore, che fortunatamente era ancora in una fase iniziale e non si era diffuso ad altri organi. Tuttavia, il cancro si è ripresentato nel febbraio 2023, richiedendo ulteriori cicli di chemioterapia. Nell’agosto dello stesso anno, Mia è stata dichiarata guarita, ma dovrà sottoporsi a controlli regolari per monitorare eventuali recidive.

“Dico alle altre persone di insistere con il personale medico se si ritiene che qualcosa non va. Sarei potuta morire se non fossi andata al pronto soccorso”, ha raccontato Mia. Secondo i dati più recenti disponibili, circa il 75-80 per cento delle pazienti arriva alla diagnosi di tumore ovarico con una malattia in fase avanzata e appena 10 su cento scoprono un tumore ancora circoscritto alle ovaie o alla pelvi, magari nel corso di una visita periodica dal ginecologo.

I segnali della presenza della malattia possono variare da donna a donna e da caso a caso. Per lungo tempo si è pensato che non esistessero sintomi precoci del tumore ovarico, tuttavia una serie di studi recenti ha mostrato che alcuni sintomi sono presenti anche nelle prime fasi della malattia. I sintomi sono vaghi e possono includere indigestione, dolore pelvico o addominale, perdita di appetito, stitichezza e necessità di urinare più spesso.

Continua a leggere su TheSocialPost.it