Vai al contenuto

Politica in lutto, è morto Ermanno Zacchetti: sindaco di Cernusco sul Naviglio, aveva 52 anni

Pubblicato: 04/07/2024 22:13

Lutto nel mondo della politica. Si è spento all’età di 52 anni Ermanno Zacchetti, sindaco di Cernusco sul Naviglio, comune a est di Milano. Era stato rieletto per il secondo mandato nel 2022 e lo scorso novembre aveva fatto sapere di essere affetto da un tumore alla lingua. Tra le ultime foto pubblicate su Facebook, quelle del 15 giugno, in occasione della partita Italia-Albania. A dare la triste notizia è stato lo stesso Comune di Cernusco sul Naviglio: “Addolorati, ne ricordiamo la passione politica e il tenace rispetto per le istituzioni democratiche, che si realizzavano quotidianamente nella sua profonda umanità, nella inesauribile disponibilità all’ascolto e nell’instancabile impegno rivolto al bene della comunità“.
Leggi anche: Femminicidio Manuela Pietrangeli, parla la ex di Molinari: “Voleva ammazzarsi, l’ho convinto a costituirsi”

Nel messaggio vengono sottolineati i “sentimenti di dedizione”, con cui Ermanno Zacchetti ha svolto il suo incarico e che “andavano ben oltre i doveri istituzionali, anche durante la malattia che lo ha colpito. L’Amministrazione si unisce al dolore della famiglia, esprimendo le più sentite condoglianze. Al più presto verranno date comunicazioni in merito a tempi e modi per ricordare e salutare insieme il sindaco”.

Laureato in economia aziendale alla Bocconi, Ermanno Zacchetti aveva lavorato presso Cecchi Gori Advertising e si era poi trasferito a Eurosport e Discovery Italia, dove era rimasto fino alla sua prima elezione come sindaco nel 2017. Nel corso della sua carriera, era stato membro della Commissione per il regolamento della Consulta dello sport, entrando poi nel direttivo in qualità di rappresentate delle associazioni sportive. Nel 2017 era stato infine eletto sindaco di Cernusco sul Naviglio, incarico riconfermato alle elezioni del 2022.

Zacchetti aveva annunciato la sua malattia il 2 novembre, scrivendo su Facebook: “A volte la vita riserva sorprese davvero inaspettate, non sempre positive. Guardarle in faccia e chiamarle con il loro nome è il primo, fondamentale passo per affrontarle”.

Continua a leggere su TheSocialPost.it