Vai al contenuto

“Ha fatto uccidere sua sorella”. Calciatore 30enne, ex della Fiorentina e titolare in Nazionale, accusato dalla madre

Pubblicato: 06/07/2024 11:08

E’ uno dei casi di cronaca nera più controversi del momento e se ne sta parlando diffusamente per le sue implicazioni. L’assassinio dell’affascinante 29enne Paola Salcedo, apprezzata conduttrice Tv e modella molto famosa sui social, uccisa pochi giorni fa a Huixquilucan all’uscita del circo Bardum, sta assumendo contorni sempre più inquietanti. All’inizio si pensava che la ragazza, morta dopo il ricovero in ospedale per le gravi ferite riportate, fosse stata vittima di un tentativo di rapina. Ma ora la svolta inattesa, sia per la gravità dell’accusa, sia per i personaggi coinvolti, sia per la persona che l’ha lanciata: la madre della ragazza, che ha puntato il dito contro il suo stesso figlio, fratello di Paola, e contro sua moglie.

A rendere ancora più clamorosa la vicenda, il fatto che a essere coinvolto sia Carlos Salcedo, 30 anni, ex giocatore della Fiorentina e attualmente difensore titolare del club Cruz Azul e della nazionale messicana. Maria Isabel Navarro, madre del calciatore, ha sconvolto il Paese pubblicando una storia su Instagram in cui accusa apertamente il figlio e la nuora di essere “gli autori intellettuali dell’omicidio di Paola”. Ed è per questo, secondo quanto dichiarato dalla donna, che Carlos pochi giorni dopo la morte della sorella avrebbe chiesto la rescissione del contratto alla dirigenza della sua squadra. “Il vero motivo per cui Carlos vuole lasciare il Paese è perché lui e sua moglie, Andrea Navarro, sono gli autori intellettuali dell’omicidio di Paola“, ha scritto la madre del calciatore. Che ha anche lanciato gli hastag “Giustizia per Paola” e “Femminicidio”.

Il post e gli hastag di Isabel Salcedo sono stati rilanciati anche da altri account di personaggi molto noti in Messico, come l’imprenditrice musicale Isabel Gutierrez. Il calciatore non ha invece voluto rispondere a queste accuse, ma ha pubblicato solo un generico messaggio di ringraziamento per chi ha supportato la famiglia in questo momento doloroso. In questa intricata vicenda non è ancora emerso, peraltro, l’eventuale movente di quello che potrebbe essere un terribile caso di omicidio in famiglia. La vittima, la cui scomparsa ha provocato grande scalpore e cordoglio in tutto il Paese, ha lasciato un figlio piccolo di nome Luka avuto dal portiere uruguayano Nicolas Vikonis, che gioca anch’egli nel campionato messicano nella squadra del Celaya.

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 06/07/2024 11:56