Vai al contenuto

Boeing si dichiara responsabile per i disastri aerei. Multata per “Cospirazione per frode criminale”. I parenti delle vittime si oppongono

Pubblicato: 08/07/2024 19:02

Alla fine, al termine di un lungo contenzioso con il Dipartimento di Giustizia americano, il colosso dell’aviazione americano Boeing ha accettato di dichiararsi colpevole della gravissima accusa di “cospirazione per frode criminale“. La questione era legata a due incidenti letali – avvenuti rispettivamente nel 2018 e nel 2019 in Indonesia e in Etiopia – che avevano coinvolto il modello di aereo 737 Max e in cui morirono 346 persone. Si tratta di un tipo di velivolo per cui Boeing era già stata messa sotto accusa per vari problemi legati alla sicurezza. A quanto riferito da fonti di giustizia Usa, l’azienda è stata condannata a pagare una multa da 243,6 milioni di dollari. E’ stato la stessa Boeing a riferire di avere “raggiunto un accordo” con il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, che prevede anche l’invvestimento di altri 455 milioni di dollari nei prossimi tre anni per migliorare la sicurezza e il comfort dei voli.

La decisione di “patteggiare” è stata presa per evitare guai peggiori. I Pubblici Ministeri statunitensi, infatti, accusavano l’azienda di avere “ingannato le autorità di regolamentazione” che dovevano autorizzare l’agibilità di questo tipo di aereo e i requisiti per l’addestramento dei piloti. Per questo, Boeing rischiava di andare a processo per cospirazione mirata a frodare gli Stati Uniti. Ammettendo di avere frodato la Federal Aviation Administration, il colosso dei voli Usa ha di fatto evitato ulteriori approfondimenti che avrebbero leso gravemente la sua immagine, che già così ne esce molto offuscata. Anche perché i parenti delle vittime, delusi dalla risoluzione, hanno già annunciato che chiederanno al giudice di respingere l’accordo. I familiari dellepersone decedute, infatti, avevano chiesto sanzioni per 25 miliardi di dollari. Nei due disastri aerei, erano morti nove cittadini italiani, fra cui l’Assessore della Regione Sicilia Sebastiano Tusca.

Continua a leggere su TheSocialPost.it