Vai al contenuto

Orrore a Manhattan: donna trovata morta in un sacco di plastica

Pubblicato: 08/07/2024 23:26

Il corpo di una donna di 31 anni, Yazmeen Williams, è stato rinvenuto a Manhattan venerdì pomeriggio, rinchiuso in un grosso sacco nero dell’immondizia. La polizia ha scoperto il cadavere sul marciapiede di fronte al numero 207 della 27 Street, a Kips Bay, nella zona di Gramercy Park. La donna è stata uccisa con un colpo di pistola alla testa, sparato da distanza ravvicinata, come in un’esecuzione.

Il ritrovamento ha sconvolto la comunità locale. Yazmeen Williams era stata sistemata assieme ad altri rifiuti, un gesto macabro che ha reso la scena del crimine ancora più inquietante. Quando la polizia ha informato la madre della vittima, questa ha avuto un malore e si è sentita male.

Le indagini hanno subito preso una svolta grazie alle immagini delle telecamere di sorveglianza. I filmati mostrano un uomo su una sedia a rotelle elettrica mentre trascina il sacco contenente il corpo fino al luogo dove è stato poi ritrovato. La madre di Yazmeen ha riconosciuto l’uomo nelle immagini, identificandolo come un amico di sua figlia e un vicino di casa. “Era un suo amico, abitava vicino a lei. Adesso voglio giustizia”, ha dichiarato la donna, sconvolta dal dolore.

Yazmeen Williams aveva studiato criminologia all’università, un dettaglio che aggiunge un’ulteriore nota tragica alla vicenda. Suo fratello gemello, che vive ad Atlanta, è arrivato oggi a New York per stare vicino alla famiglia in questo momento difficile.

Le autorità stanno intensificando le ricerche per trovare il sospetto e assicurarlo alla giustizia. La comunità spera che la risoluzione di questo caso possa portare un po’ di sollievo alla famiglia di Yazmeen Williams e ripristinare un senso di sicurezza nel quartiere di Gramercy Park.

Continua a leggere su TheSocialPost.it