Vai al contenuto

La piccola Aurora morta nell’incidente: la mamma e il papà erano ubriachi. “Non hanno chiamato i soccorsi”

Pubblicato: 09/07/2024 11:14

Non avrebbero chiamato né i soccorsi sanitari, né le forze dell’ordine i genitori della piccola Aurora, la bambina morta a soli 3 anni in un terribile incidente stradale nella notte tra sabato e domenica. La sua vita innocente è stata spezzata a causa di un violento schianto avvenuto in via Giulio Natta, a Villabate, nel Palermitano. I suoi genitori Rosario Brusa e Cetty Guarino, sono indagati per omicidio stradale: non solo sono risultati positivi agli esami tossicologici, ma hanno assunto un comportamento che ha destato sospetti e dubbi. Confermati, purtroppo.
Leggi anche: Aurora morta nell’incidente col papà ubriaco, la zia: “Un dolore che devasta l’anima”
Leggi anche: Schianto a Palermo, Aurora muore a 3 anni. Irregolarità contestate al padre, che era alla guida

Cos’hanno fatto i genitori della piccola Aurora

Non è ancora chiaro chi dei due fosse alla guida della Volkswagen Polo, finita contro un muro. Inizialmente, i genitori avevano dichiarato che fosse il padre a condurre il veicolo. Dopo il drammatico impatto, però, invece di allertare immediatamente i sanitari del 118 e le forze dell’ordine, Rosario e Cetty hanno deciso di portare la bambina direttamente all’ospedale Buccheri La Ferla di Palermo, in via Messina Marine. Purtroppo, nonostante i tentativi disperati dei medici, Aurora è deceduta poco dopo il ricovero.

Il comportamento dei genitori ha sollevato molti interrogativi. Infatti, entrambi sono risultati positivi all’esame tossicologico: 1,34 microgrammi per litro lui, 1,25 lei. La Procura di Palermo ha quindi deciso di iscriverli nel registro degli indagati per poter eseguire atti irripetibili, come l’autopsia sul corpo della bambina, attualmente nel reparto di Medicina legale del Policlinico. L’autopsia sarà fondamentale per chiarire le cause della morte e verificare la dinamica dell’incidente.

Le parole del padre Rosario

Rosario Brusa ha dichiarato che l’incidente sarebbe stato causato da un guasto ai freni della vettura, che avrebbero smesso improvvisamente di funzionare in prossimità di una curva pericolosa, dove un muro in cemento sorregge un cavalcavia e incrocia una strada sterrata. Questo malfunzionamento avrebbe fatto uscire di strada l’auto, causando il fatale impatto.

Al momento dell’incidente, l’auto trasportava l’intera famiglia: oltre ad Aurora e ai suoi genitori, erano presenti anche il suo fratellino gemello e il fratello quattordicenne. Quest’ultimo aveva da poco chiamato i genitori perché era rimasto in panne col suo scooter a Ficarazzi, a pochi chilometri da Villabate.

La comunità è sconvolta da questo evento tragico e le autorità stanno cercando di fare piena luce sull’accaduto. Restano molte domande a cui rispondere e la speranza è che l’inchiesta della Procura possa chiarire ogni aspetto di questa terribile vicenda.

Continua a leggere su TheSocialPost.it