Vai al contenuto

Obesità, uno studio spiega come far bruciare calorie alle cellule del grasso

Pubblicato: 09/07/2024 11:54

Due scienziati hanno fatto una scoperta che potrebbe rivoluzionare il modo in cui perdiamo peso. Liang Li e Brian J. Feldman, ricercatori dell’Università della California di San Francisco, hanno trovato un metodo per trasformare le cellule del grasso bianco, responsabili dell’accumulo di lipidi, in cellule beige che bruciano calorie. Questa scoperta potrebbe portare allo sviluppo di farmaci innovativi per la perdita di peso.
Leggi anche: L’uso di talco aumenta il rischio di cancro dell’ovaio? Lo studio chiarisce tutti i dubbi

Le cellule del grasso bianco accumulano energia sotto forma di lipidi, mentre quelle beige bruciano calorie per produrre calore. La trasformazione di cellule bianche in beige potrebbe essere la chiave per combattere l’obesità. Gli scienziati hanno identificato una proteina, chiamata KLF-15, che regola questa trasformazione. Spegnendo questa proteina nei topi, hanno visto le cellule del grasso bianco trasformarsi in cellule beige.

La scoperta

Lo studio analizza il comportamento dei topi knockout, privi del gene che produce KLF-15, il grasso bianco si converte automaticamente in grasso beige. Questo meccanismo potrebbe essere sfruttato per creare nuovi farmaci che aiutano a bruciare le calorie in eccesso. Gli studi preliminari suggeriscono che il metodo potrebbe funzionare anche negli esseri umani.

Li e Feldman hanno condotto esperimenti su cellule adipose umane in coltura. Hanno scoperto che il recettore Adrb1 è il bersaglio corretto per i nuovi farmaci. In passato, i farmaci miravano al recettore Adrb3, efficace nei topi ma non negli esseri umani. La nuova ricerca indica che colpire Adrb1 potrebbe portare a risultati significativi nella perdita di peso.

La pubblicazione dello studio rivoluzionario

Questa scoperta è estremamente interessante per la lotta contro l’obesità e il sovrappeso, condizioni che aumentano il rischio di malattie come il cancro e le patologie cardiovascolari. Anche se ci vorranno anni per arrivare a una possibile applicazione clinica, i risultati ottenuti finora sono promettenti.

Liang Li e Brian J. Feldman hanno pubblicato i dettagli della loro ricerca sulla rivista Journal of Clinical Investigation. Il loro lavoro potrebbe aprire la strada a nuovi trattamenti che trasformano il grasso bianco in una “macchina” per bruciare calorie, offrendo una speranza concreta a milioni di persone che lottano contro l’obesità.

Continua a leggere su TheSocialPost.it