Vai al contenuto

Armi all’Ucraina, scontro tv tra Licheri e Ronzulli: “Giorgia Meloni mente agli italiani

Pubblicato: 10/07/2024 15:16
Licheri Ronzulli Ucraina Meloni

Le recenti dichiarazioni rilasciate da Giorgia Meloni durante la sua trasferta negli Usa per i festeggiamenti dei 75 anni della Nato, stanno provocando polemiche durissime in Italia. La premier italiana ha promesso al presidente americano Joe Biden che il suo governo aumenterà le spese militari, comprese naturalmente anche quelle per l’Ucraina. Ma il senatore del M5S Ettore Licheri non ci sta e, durante l’ultima puntata de L’aria che tira su La7, dà vita ad uno scontro senza esclusione di colpi in diretta tv con Licia Ronzulli di Forza Italia.
Leggi anche: Salvini-Meloni: ormai è guerra aperta. Sta per saltare tutto
Leggi anche: Meloni dopo il vertice Nato: “Italia ascoltata, Biden l’ho trovato bene”

Aumenteranno le spese militari mentre i cittadini si impoveriscono ogni giorno di più. – attacca Licheri durante il talk show condotto da David Parenzo – C’è un governo che decide di investire ulteriormente in armi, mentre le imprese e i cittadini annaspano in difficoltà. C’è una Giorgia Meloni che non si è fatta tema di tagliare la spesa sociale in questi mesi e ieri ha detto signorsì a Washington e alla Nato per aumentare sia le spese militari italiane, più 800 milioni, sia le spese di aiuti militari all’Ucraina, un miliardo e 700 milioni”.

Il video dello scontro tra Licheri e Ronzulli

“Tutto questo avviene quando solo un anno fa in Senato la Meloni disse agli italiani che non avrebbero speso un euro di più per l’appoggio del suo governo al conflitto russo-ucraino. – affonda ancora il colpo il senatore M5S – In politica raccogli quello che semini, è una legge universale. Quando tu dici le bugie, poi alla fine ne paghi le conseguenze. E qual è la conseguenza? La totale irrilevanza politica di questa donna nei tavoli internazionali”.

“Io credo che anche l’aumento della spesa per la difesa delle armi sia una sorta di scudo che noi diamo all’Italia”, prova a replicare Licia Ronzulli. “No, è sangue. Sono vittime, sono cittadini, sono bambini. È così difficile da capire?”. Ribatte durissimo Licheri. “Che belli questi slogan. Non si può parlare per slogan”, perde allora la pazienza la sua interlocutrice. “Dopo due anni vogliamo tracciare una linea di bilancio e chiederci se questa strategia di armare l’Ucraina ha pagato? È evidente che questa strategia abbia fallito”, tiene però il punto il pentastellato. “Quanti ospedali devono essere ancora bombardati per difendere l’Ucraina? Ma tu vuoi uscire dalla Nato? Hai tirato fuori slogan allucinanti”, sbotta definitivamente la Ronzulli.

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 12/07/2024 08:49