Vai al contenuto

Calcio, rissa terrificante. Botte da orbi fra tifosi e calciatori dopo la semifinale di Coppa America (VIDEO)

Pubblicato: 11/07/2024 11:30

Si sa che il calcio in Sudamerica è vissuto con grande passione. Esagerando, si potrebbe dire che il gioco più bello del mondo rappresenta per i tifosi quasi una “piccola guerra”. Ma quello che è successo dopo la semifinale di Coppa America fra Colombia e Uruguay supera l’immaginazione. La gara ha visto la storica affermazione dei colombiani per 1-0 grazie a un colpo di testa di James Rodriguez. Un evento epocale per i “Cafeteros”, che hanno raggiunto la finale della competizione dopo 23 anni di assenza, al termine di una partita combattuta e molto fisica, come da tradizione. Al Bank of America Stadum di Charlotte, la nazionale uruguayana di Marcelo Bielsa è crollata pur avendo disputato tutto il secondo tempo con un uomo in più per l’espulsione del giocatore colombiano Munoz.
Leggi anche: Rissa in campo, è caos: un poliziotto spara e colpisce un calciatore 

<>

Al termine della partita, però, è scoppiato l’inferno. La maggior parte dei tifosi presenti allo stadio era colombiana. Al fischio finale, i tifosi delle due fazioni sono venuti a contatto dietro la panchina dell’Uruguay, scatenando una rissa che sarebbe stata già epocale. Ma la situazione, già caotica, è ulteriormente peggiorata quando una decina di giocatori dell’Uruguay ha deciso di unirsi alla battaglia. Gli atleti sono saliti fra la folla e hanno partecipato attivamente alla rissa. Il caos che si è creato è ben documentato da alcuni filmati disponibili, nei quali si vede il giocatore uruguagio Nunez mentre colpisce un tifoso che indossava i colori dei Cafeteros. A spiegare il perché di questo inusuale comportamento dei giocatori dell’Uruguay è stato il capitano Gimenez: “E’ un disastro”, ha dichiarato il calciatore. “Le nostre famiglie erano in pericolo. Siamo dovuti andare sugli spalti per allontanare i nostri cari, c’erano anche dei bambini. La Polizia è intervenuta mezz’ora dopo. L’organizzazione dovrebbe stare più attenta alle famiglie”.

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 12/07/2024 12:01