kinder sorpresa

Ovetti Kinder sotto attacco: a causa di una sorpresina, l’azienda è stata accusata di razzismo, nonché di fare facile ironia sul Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. la sorpresina in questione consisterebbe in un omino con un’ emblematica capigliatura a ciuffo biondo, che tiene in mano 3 palloncini con una K scritta sopra. Immediato il collegamento con la chioma del tycoon, nonché con il Ku Klux Klan (per via delle 3 kappa).

Una sorpresa…poco gradita

La polemica è stata diramata da altri paesi, perché in USA il prodotto è distribuito ma senza sorpresina.

Nel resto del mondo, però, i prodotti di punta della Ferrero sono venduti con i famosi giocattolini al suo interno e qualcuno ha ben pensato di tirar su un bel polverone a proposito di una sorpresina in particolare…

Gli ovetti Kinder hanno accompagnato intere generazioni nella crescita e sembra impossibile che possano contenere messaggi subliminali. Eppure, molti questa volta hanno pensato che Kinder abbia voluto stringere l’occhio alle frange estremiste-razziste e si voglia prendere gioco del Presidente Trump. Le prime segnalazioni sono arrivate da: Russia, Israele e Australia.

Le scuse di Ferrero

Razzismo? La Ferrero è contro il Presidente della Casa Bianca e lo accosta ai suprematisti bianchi? L’azienda di Alba si è allontanata da queste accuse diramando un comunicato in cui chiede scusa a tutti coloro che si son sentiti toccati spiegando:

Nel disegno iniziale, il giochino aveva un solo palloncino con la lettera K. Gli altri due sono stati aggiunti per rendere la struttura complessiva più robusta e stabile, dal momento che la sicurezza e la qualità dei nostri prodotti sono molto importanti. Non volevamo assolutamente fare alcun riferimento al Ku Klux Klan e ci scusiamo davvero con chi si è sentito offeso.

Il pupazzetto in questione era in edizione limitata in quanto prodotto in occasione del cinquantesimo anniversario di Kinder, abbiamo già interrotto la produzione e tramite il servizio clienti è possibile cambiare quelli già trovati negli ovetti con altri giochini a scelta“.

Speriamo che l‘ovetto dalla confezione gialla riesca ad uscire da questa polemica.