meteo neve evidenza

Nuove perturbazioni, nuovo weekend instabile. Le temperature si sono leggermente alzate, ma tornerà la neve in Italia. E l’incertezza climatica durerà per un po’ di giorni, in linea con quanto succede nelle ultime settimane.

Ad essere colpito, in particolare sarà il Centrosud.

Neve prevista per domenica

Il gelo delle ultime settimane pare essersi calmato, ma ciò non fermerà il fronte di domenica, con le precipitazioni nevose previste, in ogni caso, in quote medie (oltre i 900-1300 metri) e localizzate sull’Appennino. Verso domenica sera e notte la neve potrebbe avanzare ancora, e scendere fino a 600-700 metri nelle Marche, e non è da escludere – ma è un’ipotesi tutta da confermare – che tali quote vengano raggiunte anche in altre zone, in particolare Emilia-Romagna, Liguria e Basso Piemonte.

neve penisola

Immagine di repertorio

Il Nord col fiato sospeso

I prossimi 7 giorni non promettono miglioramenti. In particolare la situazione al Nord è tutta da valutare: Ad inizio settimana sono previste precipitazioni a basse quote, seppur localizzate in Valpadana e nel Nordest, ma non è questo a preoccupare. Si attendono aggiornamenti sulle previsioni legate ad una nevicata attesa tra il 23 e il 24 gennaio, i cui dati raccolti, in questo momento, non permettono una stima precisa o neanche approssimativa di quali quote verranno coinvolte e con che intensità.

Questo perché la Penisola italiana subirà l’arrivo di un gran numero di vortici provenienti dal Mediterraneo e di aria fredda dai vicini Balcani. Cosa dobbiamo aspettarci quindi? Previste cime innevate anche al di sotto del Po, come anticipato. Colline innevate, sebbene a tratti, in particolare tra Toscana, Umbria e Marche.

La neve non risparmierà neanche il Sud, ma il clima più mite giocherà un ruolo decisivo, limitando le precipitazioni a quote elevate in primo momento, fino ad una discesa che non andrà sotto i 1500-1000 metri.

In particolari, le regioni più interessate saranno Calabria e Sicilia.

neve penisola interna