Marisa Piazza San Carlo

Una terribile notizia: Marisa Amato, una delle persone coinvolte nel dramma della calca in piazza San Carlo, a Torino, il 3 giugno 2017, è purtroppo morta.

Era rimasta paralizzata

Marisa Amato aveva riportato gravi conseguenze: era paralizzata a letto e da qualche giorno si trovava nel reparto di rianimazione dell’ospedale CTO di Torino per via di alcune complicazioni. Il bilancio del dramma sale dunque a due morti e 1527 feriti. La prima vittima fu Erika Pioletti, morta per colpa dello schiacciamento subito a causa della folla.

Lo scorso anno le indagini hanno portato all’individuazione di un gruppo di italiani di origine maghrebina che sarebbero stati responsabili di aver provocato il panico tramite l’utilizzo di bombolette di spray al peperoncino, a scopo di rapina.

Piazza San Carlo

Piazza San Carlo

Marisa Amato, da anni, viveva grazie a costanti e quotidiane cure: i suoi parenti, per sostenere i costi delle stesse, avevano aperto la pagina Aiutiamo Marisa Amato, tramite la quale la famiglia rendeva anche note le condizioni mediche della donna. Un anno dopo la tragedia, il 3 giugno 2018, la donna scriveva sulla pagina e ricordava la difficoltà di un anno da superstite ferita: “Un periodo lungo, colmo di sofferenza e di fatica… fisica e mentale”.

Poi, la determinazione a migliorare e a riprendersi scampoli di vita: “Voglio tornare a casa e vivere, seppur in modo diverso, la mia quotidianità, fuori da queste mura tristi di quello che è l’ospedale, sempre e comunque con la speranza di migliorare questa mia condizione”.