Il 25 gennaio 2018, a Pioltello, sono morte 3 donne. Si chiamavano Ida milanesi, Pierangela Tadini e Alessandra Pirri: quella drammatica mattina si trovavano sul treno che ogni giorno parte da Cremona e arriva a Porta Garibaldi a Milano, e che all’altezza di Pioltello si spezzò in due causando un disastro ferroviario inimmaginabile. A distanza di un anno, le vittime vengono ricordate da chi su quel treno c’era ed è sopravvissuto, e dalle istituzioni che hanno approfittato dell’occasione per testimoniare la loro solidarietà con i pendolari che si ritrovano, giorno dopo giorno, ad affrontare il viaggio che un anno fa costò la vita a 3 persone.

Toninelli chiede scusa

Il ministro alle infrastrutture era presente alla commemorazione, ed ha approfittato per ribadire la posizione del governo nei confronti della tragedia: Chiedo scusa a nome dello Stato. Si doveva fare manutenzione, si doveva controllare meglio”. Poi, ha continuato. “Lo ribadisco, la più grande opera di cui l'Italia ha bisogno è la manutenzione e la messa in sicurezza delle infrastrutture esistenti. Perché nessuno debba più morire così. Mai più!”. Qualche parola spesa anche sull’assenza di Matteo Salvini: “Mi sarebbe piaciuto che Matteo fosse qui oggi”.

Tutti gli articoli sulla tragedia di Pioltello

Tra coloro che partecipano alla commemorazione, ci sono anche molte persone che erano su quel maledetto treno un anno fa, e che ricordano il terrore e la sofferenza provati. In molti, invece, ne approfittano per far presente che ancora oggi, i disservizi sulla rete Trenord sono molti, e che la situazione non è cambiata.

Guarda il video:

Fonte video