La storia di mamma carmela

A C’è posta per te è ora della storia di Carmela e Cinzia, mamma e figlia unite dal dolore per la scomparsa di Lorenzo, morto a 22 anni a causa di un incidente in moto. La scomparsa del figlio e del fratello è stato per le due donne la fine della spensieratezza e dell’allegria. Soprattuto per Cinzia che si è chiusa nel dolore e ha sofferto di attacchi di panico e crisi d’ansia.

La morte di Lorenzo

Come raccontato da Cinzia, in una notte di luglio, il 23 del 2016, Lorenzo, tornando prima da una serata in discoteca, ha avuto un terribile incidente in moto.

Il ragazzo è stato travolto da un camion dei rifiuti che ha sbagliato manovra. Trasportato d’urgenza presso l’ospedale di Cefalù, per i medici non era un caso grave, anche dalla TAC non erano emersi danni. Eppure dal nulla Lorenzo ha una crisi respiratoria e nonostante il trasporto d’urgenza presso l’ospedale di Palermo, per il ragazzo non c’è stato nulla da fare. Lorenzo era un uragano di allegria, la gioia di mamma e sorella. L’uomo di casa lo ha definito Cinzia, soprattuto dopo che il padre li aveva lasciati per un’altra donna.

Marco Bocci e Giulia Michelini insieme a Cinzia

Marco Bocci e Giulia Michelini insieme a Cinzia

Le crisi di Cinzia

Dopo il funerale per la giovane Cinzia non è stato facile, ha cominciato a soffrire di terribili crisi di panico e di ansia, “inizio ad avere paura di tutto: ho paura di ammalarmi, ho paura che possa succedere qualcosa alle persone care. Non riesco più a studiare o ad uscire di casa (…)”. Nonostante le sedute con uno psicologo per Cinzia la situazione non migliora e così mamma Carmela mette da parte la sua terapia per pagare uno specialista per la figlia.

Cinzia si sente in colpa, per tutto il tempo della terapia, la giovane ha chiesto di non parlare di Lorenzo a chiunque entrasse in casa e così è stato; questo l’ha portata ad avere un profondo senso di colpa e così la richiesta a C’è posta per te di fare un regalo alla mamma, l’incontro con Marco Bocci e Giulia Michelini.

Giulia Michelini e Marco Bocci commossi

Giulia Michelini e Marco Bocci commossi

C’è posta per te: la lettera di Cinzia per mamma Carmela

Sei tutto ciò che mi è rimastodice Cinzia – (…) Lorenzo era il figlio riuscito meglio: più simpatico, affettuoso e divertente, era bello da perdere la testa, lo guardavano tutte!

(…) Mio fratello mi manca da morire, ma era anche tuo figlio, era un campione di risate oltre che di basket. Da quando non c’è in casa c’è silenzio”. Cinzia ringrazia la mamma per esserle stata accanto, “Se non ci fossi stata tu e lo psicologo avrei pregato il destino di prendere anche me, ma ora me ne vergogno perché non ti lascerei mai”.

Si scusa per il dolore causato, “per tutte le volte che ti ho risposto male, che sei andata a letto col magone per colpa mia. Vedrai che riuscirò a laurearmi e a trovare un buon lavoro e a prendermi cura di te”.

Mamma Carmela

Mamma Carmela

In studio entrano Marco Bocci e Giulia Michelini, i due attori commossi dalla storia delle due donne hanno espresso tutta la loro vicinanza e hanno cercato di riportare l’allegria. “Tutta la forza che le hai dato, lei ora vuole ridartela” dice Bocci a Carmela, “siete due donne splendide, la vostra forza è proprio questa.

Siete piene di energia e caparbietà, vi fate forza a vicenda”.