donna gatto morta

La tragedia è avvenuta a Marcinelle, una cittadina belga presso il comune di Charleroi. La vittima si chiamava Jacqueline e aveva 73 anni. Come molti anziani al giorno d’oggi, anche lei viveva in completa solitudine: l’unica compagnia, infatti, era il suo gatto. Tanto è vero che la macabra scoperta è avvenuta due mesi dopo il suo decesso, quando i suoi vicini di casa, non vedendola da un po’ di tempo, hanno deciso di allertare i soccorsi.

Immagine di repertorio

Stato del ritrovamento dell’anziana

Il corpo della donna è stato trovato dalla polizia nel mese di novembre in un avanzato stato di decomposizione.

Il suo corpo era stato in parte divorato dal felino, che sicuramente dopo non aver ricevuto cure e cibo dall’anziana, ormai morta da diversi giorni, si è cibato affamato dei resti della 70enne. È stata l’autopsia effettuata dalle autorità giudiziarie a stabilire che il decesso della donna era avvenuto per cause naturali. I soccorsi arrivati sul luogo dopo aver forzato la porta di ingresso al suo appartamento, hanno scoperto due cadaveri: quello della signora e quello del gatto, morto anche lui qualche tempo dopo.

Il dramma di una donna sola

Lo stato di abbandono e solitudine di molte persone in età senile è preoccupante.

La protagonista di questa vicenda aveva come unico amico e compagnia il proprio gatto. Non c’era nessuno a prendersi cura della povera anziana, o che andasse a trovarla di tanto in tanto. Furono perciò i vicini a preoccuparsi della sua improvvisa scomparsa non vedendola passeggiare per le vie della cittadina dove abitavano. Nessuno però poteva immaginarsi un epilogo così macabro. Insomma, un dramma che vorremmo descrivere come inusuale  perché racconta la fine atroce di una anziana lasciata sola.  Purtroppo la cronaca oggi è piena di casi simili a questo. La vittima viene ricordata dai vicini di casa come una persona gentile ed amorevole.

Immagine di repertorio