sammy basso evidenza

All’ospedale San Camillo di Roma, in questi giorni, si è compiuto un importante passo avanti nel mondo della medicina e della chirurgia. Sammy Basso, il giovane affetto da progeria diventato in Italia il simbolo della malattia, e noto per aver parlato della sua patologia spesso grazie ai media, è stato operato al cuore con successo. Si tratta del primo caso di intervento chirurgico cardiaco effettuato su un malato di progeria e superato con successo: spesso l’organismo delle persone malate di progeria è troppo debole per superare un intervento di questo tipo e le conseguenze postoperatorie.

Un intervento difficile

L’intervento a cui è stato sottoposto il 23enne Sammy Basso è consistito in una sostituzione della valvola aortica: il ricovero era avvenuto una settimana fa e non vi era stata comunicazione alcuna alla stampa, in quanto la famiglia voleva vivere questo momento in un clima di riservatezza. Il primo ostacolo alla riuscita dell’operazione era proprio lo stato di salute di Sammy Basso: la sindrome dell’invecchiamento precoce, come suggerisce il nome, porta a un decentramento veloce delle strutture corporee e quelle di Sammy, che ha 23 anni, sono tali e quali a quelle di un 80enne. l’intervento aveva altissimi rischi e ciò era stato sottolineato anche dall’ospedale americano che segue Sammy: “Dato l’alto grado di complessità anatomica e quindi l’elevato rischio chirurgico, perplessità sull’esecuzione dell’intervento erano state espresse dal centro americano dove Sammy è in cura. A questo punto la decisione di rivolgersi al Prof Musumeci per una ulteriore opinione. Dopo una lunga e attenta analisi del caso, il team del S. Camillo ha ritenuto l’intervento fattibile per via trans-catetere”.

sammy basso (1)

Sammy Basso in tv, con Carlo Conti

Un passo avanti fondamentale

Il successo di questo intervento è molto importante per dare una speranza a tutte le persone malate di progeria: se, infatti, si può convivere (con difficoltà, ma è possibile) con la malattia nel quotidiano, il vero problema è l’insorgere di complicazioni: problemi cardiaci, o cedimento di altri organi ad esempio. “la ricerca su questa malattia” ha spiegato lo stesso Basso in conferenza stampa al San Camillo “si è basata su farmaci per rallentare invecchiamento. Ma quando i sintomi iniziavano a manifestarsi era la fine”. Domani Sammy Basso sarà dimesso, per continuare il processo di guarigione tra le mura di casa.

sammy basso

Sammy Basso in ospedale