Annamaria franzoni evidenza

Annamaria Franzoni è libera: a 11 anni dall’omicidio del figlio Samuele Lorenzi, la madre che per lungo tempo è stata per molti "la più odiata d’Italia" ora può andarsene dal suo Paese, rifarsi una vita all’estero, avere l’anonimato.

Il tribunale di Sorveglianza di Bologna ha infatti comunicato ufficialmente alla Franzoni che la pena è stata completamente espiata. Da anni la Franzoni non era più in carcere, bensì si trovava in regime di detenzione domiciliare. La libertà è arrivata con 6 mesi di anticipo rispetto alle precedenti disposizioni processuali.

Da anni può frequentare i figli

Samuele Lorenzi era morto il 30 gennaio 2002: nel 2008 era arrivata per sua madre, Annamaria Franzoni, la condanna a 16 anni di carcere da scontare nel carcere di Bologna. In carcere, la Franzoni ci è rimasta fino al 2014, quando per buona condotta è stata decisa per lei a detenzione domiciliare (con la famiglia), con la possibilità di lavorare di giorno in una cooperativa sociale. La Franzoni era stata fotografata con i figli (il minore era nato un anno dopo il delitto di Samuele).

[caption id="attachment_334561" align="aligncenter" width="854"]annamaria franzoni annamaria franzoni[/caption]

A differenza di Veronica pannello (anche lei condannata per l’omicidio di un figlio), Annamaria Franzoni può frequentare gli altri figli: nel 2014 è stato infatti stabilito che non c’è pericolo di reiterazione del reato. Ciò significa che non c’è più timore che ci sia un nuovo infanticidio, in quanto le condizioni che avevano portato al delitto di Cogne (la condizione psicologica della donna, l’isolamento) erano venute a scomparire.

Tutti gli articoli sul delitto Cogne

Il delitto di Cogne

Samuele Lorenzi è morto a casa sua, nel letto dei suoi genitori, il 30 gennaio 2002. Era stata Annamaria Franzoni a dare l’allarme, chiamando il 118 e dicendo che il bambino “vomitava sangue”. La prima a intervenire fu il medico di famiglia, che diagnosticò un aneurisma cerebrale, ma il bambini presentava una grande ferita sulla testa, come una frattura frastagliata forse creata da un corpo contundente. La Franzoni era stata subito considerata il sospetto principale, in quanto era stata scartata abbastanza presto la possibilità che ci fosse stata un’intrusione da parte di uno sconosciuto.

[caption id="attachment_334560" align="aligncenter" width="854"]annamaria franzoni Annamaria franzoni[/caption]