bambino maltrattato

Negli scorsi giorni si è parlato del bambino di 8 anni abbandonato da sua madre a Carmagnola, provincia di Torino. Una storia molto triste che sembra, però, aprirsi ad un risvolto positivo.

La madre si troverebbe a Napoli col nuovo compagno

Le telecamere di Mattino 5 sono riuscite raggiungere il fratello del compagno della madre. L’uomo ha solamente dichiarato che la donna vive col suo nuovo compagno in un campo rom di Napoli. Proprio da lui sarebbe partita l’intenzione di abbandonare il bambino. L’uomo si è infatti rifiutato di accoglierlo perché figlio non suo, bensì di una precedente relazione. Per questo motivo la madre avrebbe dichiarato alle autorità di non potersi più occupare del minore.

Bambino abbandonato in strada, il padre: "Non è un cane, lo voglio a casa con me"

Immagine di repertorio

Intervistato il padre: “Lo voglio qui a casa con me”

Inizialmente le autorità non sono riuscite a rintracciare il padre, che non risulta dall’atto di nascita. Come è emerso, tuttavia, il bambino sarebbe stato accudito recentemente dalla famiglia paterna. Il padre vive a Chieri e alle telecamere di Mattino 5 ha dichiarato: “Ci sono rimasto male. Mio figlio non è un cane. L’uomo è apparso scioccato dal modo in cui la madre e il suo nuovo compagno hanno semplicemente lasciato il bambino in mezzo alla strada.

 “Lo voglio qui a casa con me“, ha aggiunto. “Ho detto loro di far togliere il bambino dalla comunità e portarmelo, altrimenti si creano casini”, ha poi commentato. L’uomo – che avrebbe lasciato il bambino alla madre durante le feste –  ha inoltre affermato di essersi  rivolto ad un avvocato.

Il bambino sta meglio, considera i compagni di scuola come fratelli

Il bimbo, al momento, si trova in una casa protetta gestita dalle suore a Torino. Ha ripreso ad andare a scuola, dove si sente accolto. Così tanto da considerare i nuovi compagni come fratelli“. Il bambino ha così recuperato la sua quotidianità.

Il sindaco di Carmagnola, Ivana Gaveglio, ha dichiarato ai microfoni di Mattino 5: “Il progetto era di farlo sentire a casa. È un bambino accudito, accolto, che in questo momento sta vivendo la vita di un bambino di 8 anni”.

La Procura dei Minori dovrà valutare un reinserimento nel nucleo familiare. Nel probabile caso in cui la madre non sia pronta ad accoglierlo si procederà con l’affido. Intanto, da tutta Italia sono giunte richieste di adozione e solidarietà. A riguardo, il sindaco ha commentato: “Questo fa riscoprire l’Italia buona. […] Le persone esprimono la volontà di aiutare questo bimbo in tanti modi. È davvero un bel segnale”.Bambino abbandonato in strada, il padre: "Non è un cane, lo voglio a casa con me"