La piccola di 2 anni presa a botte e a morsi sta lentamente migliorando, ora si trova ricoverata all’ospedale Bambino Gesù dove si occupano di lei. Ieri il compagno della madre della piccola, Federico Zeoli, 24 anni, ha confessato di averla picchiata esasperato dai pianti della bambina.

La parole della madre

Sua madre mi ha spiegato che è malato, ha una specie di schizofrenia. Io lo amo, ma non so se riesco a perdonarlo. Lo so cosa penseranno tutti di me, che sono una madre disgraziata, ma lui è la mia vita. È giusto che sia in carcere, ma devono aiutarlo perché lui non vuole prendere le medicine.

Io comunque non lo abbandono“, ha detto la madre ieri intervistata da Il Messaggero. E ancora: “Lo conosco solo da due mesi, dovevamo sposarci ad aprile. Si arrabbia spesso, sbotta, poi si pente ma io non mi arrabbio, lo lascio sfogare. Non ha mai alzato le mani su di noi, a parte qualche sculacciata o rimprovero. Ci tiene all’educazione ma io ho sempre permesso alle bambine di fare come vogliono, insomma ogni tanto fanno cadere qualcosa quando rovistano nei cassetti e lui si arrabbia“.

Bimba picchiata e presa a morsi dal compagno della madre, lei: "Io lo amo"

Cosa è accaduto veramente alla bambina

Poi ha raccontato cosa è accaduto ieri. Improvvisamente nel pomeriggio ha ricevuto una chiamata dal compagno in cui le dice che la bambina ha perso i sensi dopo aver vomitato.

Quando arrivano in ospedale però, la polizia ha già dei sospetti, visti i segni sul corpo della piccola. All’inizio lei tenta di coprirlo, poi lui confessa spiegando che la piccola non la smetteva di piangere, così l’avrebbe prima picchiata e poi morsa, fino allo svenimento. “Mi hanno preso le bambine, sto aspettando notizie. Ho paura del mio ex, un pregiudicato, mi ha preso a coltellate, è violento, vuole le bambine. Vive a Roma ed è arrabbiatissimo. Non le vede da 4 mesi, sono terrorizzata“, ha aggiunto la donna.

polizia