maltrattamenti_nido


Un’indagine condotta dai carabinieri di Siena ha portato a galla una storia di atroci abusi che avvenivano in un nido domiciliare. Protagonista della vicenda è un’educatrice di 52 anni: le indagini hanno fatto emergere comportamenti violenti, messi in atto dalla donna, ai danni di bambini di un’età compresa tra i 6 mesi e i 3 anni.

I bambini hanno subìto comportamenti violenti per mesi, e sono stati i loro mutamenti a livello comportamentale a mettere in guardia le famiglie, che hanno permesso ai carabinieri di dare il via alle ricerche.

Picchiati e obbligati a mangiare

A quanto pare, le telecamere installate di nascosto all’interno del nido domiciliare hanno mostrato violenze davvero al limite: i piccoli venivano picchiati, strattonati, insultati in maniera orribile. A volte, addirittura, i piccoli venivano obbligati a mangiare e per farlo l’educatrice chiudeva loro il naso con le dita, o gli faceva pressione sullo sterno.

Al momento si stanno effettuando verifiche anche sull’asilo domiciliare, la cui regolarità normativa non è ancora stata confermata. Al momento la donna si trova agli arresti domiciliari, dopo essere stata temporaneamente portata in carcere a Sollicciano. A quanto pare, a incastrare la donna sarebbe stata anche una sua ex collaboratrice, che aveva parlato ai Carabinieri di comportamenti poco corretti messi in atto in precedenza nei confronti dei bambini.

Guarda il video:

[video width="640" height="480" mp4="https://www.thesocialpost.it/wp-content/uploads/2019/02/educatrice-siena.mp4"][/video]

Fonte video