ilaria cucchi con in mano un manifesto con la foto del volto del fratello stefano cucchi

Oltre a Rita Calore, madre di Stefano, Myrta Merlino ha intervistato Ilaria Cucchi. Negli studi de L’Aria che tira, qualche giorno fa, anche la sorella di Stefano ha parlato, raccontando della lotta che ogni giorno deve ancora fare per avere giustizia per suo fratello.

Preso in causa anche il Ministro Matteo Salvini, con il quale spesso Ilaria Cucchi ha chiesto un confronto e che lui avrebbe promesso. Non c’è però stato alcun invito da parte del vice-premier.

Un invito mai arrivato

Dopo l’accalorata e commossa intervista con Rita Calore, arriva Ilaria: anni di lotta e interviste le hanno dato forza e determinazione ed espone le sue argomentazioni con grande forza.

Tra Ilaria Cucchi e Matteo Salvini raramente è corso buon sangue. Così, a mesi dall’ultimo confronto, quando Myrta Merlino fa presente quanto potrebbe essere importante un incontro con il Ministro, Ilaria Cucchi ha dichiarato: “Ah sicuramente sarebbe importante una sua presa di posizione, io non ho ricevuto alcun invito, lo ha annunciato pubblicamente ma io non ho ricevuto alcuna chiamata”. Ilaria ha poi puntualizzato che, in ogni caso, sarebbe felice di accettare un invito.

ilaria cucchi

Ilaria Cucchi, sorella di Stefano

Un rapporto “complicato”

Da sempre, il braccio di ferro tra Salvini e la famiglia Cucchi è stato un’alternanza di momenti tesi e fasi di decompressione. La tensione si acquì quando Salvini, parlando di reato di tortura, dichiarò che “Se qualcuno si fa male, affari suoi”. Impossibile, in quell’occasione, non pensare ai casi Cucchi, Aldovrandi, Magherini, Uva. Poco tempo dopo fu Ilaria Cucchi a tirare in ballo Salvini, scrivendo su Facebook: “Caro Stefano. Facciamo schifo al ministro dell’interno. Ora chi ci offendeva in modo becero e greve è diventato deputato ma è rimasto segretario del sindacato di Polizia Sap”.

Dopo un lungo post, concludeva poi dicendo: “Che dici Stè andiamo a fare un salto al Ministero per parlare con loro? Ti porto con la mia maglietta perché tu non ci sei più ed è solo colpa tua. Ma perché ti sei fatto pestare fino alla morte?? Mah…”.

salvini

Matteo Salvini

Successivamente, anche in seguito ad alcune minacce ad Ilaria Cucchi da parte di alcuni simpatizzanti della Lega, aveva dichiarato: “I leghisti non minacciano e non sono violenti.

Nessuna tolleranza per chi insulta e augura la morte, invito Ilaria Cucchi e i suoi familiari non solo a denunciare, ma a venirmi a trovare al Ministero”. Come già ribadito, un invito formale non è però mai arrivato.