Caltanissetta: maestra d'asilo arrestata


Dopo il "nido degli orrori" di Siena, ci troviamo purtroppo a fare i conti con un'altra storia di maltrattamenti sui bambini, questa volta è accaduta a in una scuola d'infanzia di Milena, in provincia di Caltanissetta. Dopo diverse segnalazioni dei genitori dei bambini della scuola dell'infanzia Gianni Rodari, i Carabinieri vi hanno installato una telecamera nascosta che ha documentato il "clima di terrore" instaurato da una maestra di infanzia 60enne a suon di schiaffi, minacce e rimproveri ai suoi piccoli alunni. La maestra è stata tratta in arresto.

I maltrattamenti

Le immagini catturate dalla telecamera nascosta mostrano gli abusi della maestra nella scuola d'infanzia Gianni Rodari di Milena, in provincia di Caltanissetta. La donna di 60 anni strattona, picchia e minaccia con rimproveri severi i bambini, tutti di età compresa tra i 3 ei 5 anni.

Le indagini erano iniziate in seguito alle numerose segnalazioni dei genitori dei bambini ricevute dai Carabinieri. Proprio queste segnalazioni hanno indotto i militari dell'Arma a installare dentro la scuola d'infanzia la telecamera nascosta che ha fatto venire a galla i maltrattamenti cui questa maestra 60enne sottoponeva i suoi piccoli alunni.

L'arresto della maestra

La maestra d'infanzia è stata tratta in arresto con l'accusa di maltrattamenti, il gip del Tribunale di Caltanissetta ha emesso l'ordinanza, dopo la richiesta del pm. I Carabinieri in una nota hanno spiegato che i maltrattamenti dell'insegnante a danno dei suoi piccoli alunni sono stati rivelati dalla telecamera nascosta sin dal primo giorno in cui è stata installata.

La costanza con cui quest'insegnate ha perseguito questo atteggiamento vessatorio nei confronti dei suoi alunni ha determinato l'emergere di questo scenario desolante: "Il quadro che emergeva sin dal primo giorno di riprese ha confermato l’ipotesi accusatoria poiché la maestra, oggi tratta in arresto, assumeva con frequenza quotidiana condotte maltrattanti consistite in urla ed atteggiamenti minacciosi, percosse, strattonamenti e sottoposizione ad arbitrarie punizioni di vario genere, tanto da creare un clima di terrore all’interno della classe".

Caltanissetta: maestra d'infanzia arrestata