Roberto Formigoni si è costituito nel carcere di Bollate

Ieri la Cassazione ha messo la parola fine al processo per Roberto Formigoni confermando la sentenza che era già stata emessa in appello, riducendo gli anni da 7 a 5 anni e 10 mesi per corruzione e per i fondi neri creati dalla Fondazione Maugeri e dall’Ospedale San Raffaele di Milano. Proprio per scontare questa pena l’ex governatore della Lombardia si è costituito nel carcere di Bollate.

Formigoni in carcere

Questa mattina, accompagnato dal suo legale, si è presentato nel carcere di Bollate. Lo aspettavano tutti dopo che ieri la Cassazione ha confermato la sentenza dell’appello, e proprio questa mattina il sostituto procuratore generale di Milano Antonio Lamanna ha firmato l’ordine di esecuzione della pena.

robertoformigoni

Roberto Formigoni, ex presidente della regione Lombardia

Tutte le vicende giudiziarie di Formigoni

Lo spiraglio di luce

A Formigoni resta comunque una possibilità: la sua età anagrafica. L’avvocato Mario Brusa ha depositato una istanza per chiedere per Formigoni gli arresti domiciliari al posto della detenzione in carcere. Formigoni ha superato i 70 anni e avrebbe quindi diritto ai domiciliari. La Procura generale di Milano sembra però pronta a respingere la richiesta. Con l’introduzione della cosiddetta “legge Spazzacorrotti“, il reato di cui è stato trovato colpevole, è entrato a far parte di tutti i reati anche detti ostativi, e con una condanna superiore ai 4 anni, l’unica pena possibile è quella del carcere.

Roberto Formigoni si è costituito nel carcere di Bollate

Foto: Ansa

Marco Formentini, ex sindaco di Milano, ha spiegato all’Adnkronos: “Sul piano umano dispiace, ma la giustizia deve andare avanti”. E ancora: “Ho conosciuto Formigoni all’inizio degli anno Novanta, era un giovane molto impegnato. Ha gestito bene la Regione Lombardia, poi non posso dire se ha fatto cose sbagliate. Questo spetta alla giustizia“.

La Fondazione Maugeri e l’Ospedale San Raffaele di Milano

Tutto comincia nel 2012 quando Formigoni viene indagato per corruzione aggravata, stando alle indagini si riteneva che avesse “svenduto” il suo ruolo per ottenere viaggi e vacanze.

Formigoni, dal canto suo, ha sempre parlato di regali di amici.