Iuschra Gazi: 12enne autistica scomparsa: chiuse le indagini, è morta

La Procura di Brescia ha chiuso le indagini per la scomparsa di Iuschra Gazi, bimba 12enne autistica, sparita nel nulla nei boschi dell’Altopiano di Cariadeghe, a Serle, nel bresciano, il 19 luglio dell’anno scorso. Si trova indagata l’operatrice della Fobap (Fondazione italiana Assistenza Psicodisabili), che il giorno della sua scomparsa l’aveva in carico, per il reato di omicidio colposo.

La scomparsa

Iuschra Gazi era insieme ad altri bambini nei boschi dell’Altopiano di Cariadeghe, a Serle, in provincia di Brescia, sotto la tutela di un’operatrice della Fobap. Quella che doveva essere una semplice gita nella natura si è presto trasformata in un incubo.

La ragazzina si è allontanata da sola, sfuggendo al controllo dell’operatrice ed è letteralmente scomparsa.

Iuschra Gazi: 12enne autistica scomparsa: chiuse le indagini, è morta

Iuschra Gazi

Secondo le testimonianze raccolte dagli inquirenti, la bambina si sarebbe improvvisamente messa a correre verso gli alberi e nonostante gli operatori abbiano cercato in tutti i modi di raggiungerla, la sua sagoma è presto sparita. A complicare le ricerche, era stato l’autismo della bimba che la induceva a nascondersi e a non rispondere se chiamata.

In più, il luogo in cui si stava svolgendo la gita ha complicato ulteriormente le cose: innanzitutto, nonostante gli operatori della Fobap abbiano cercato di dare l’allarme il più presto possibile, sono dovuti ricorrere all’unico telefono fisso presente in zona, perché la zona non è coperta dalla rete mobile.

Infatti, il padre fu informato della sua sparizione intorno alle 12,50 e solo alle 15,00 riuscì a raggiungere il luogo preciso in cui Iuschra sparì, tanto era inoltrato nel verde. Inoltre, i boschi in cui si trovava Iuschra sono pieni di grotte carsiche sotterranee per centinaia di chilometri e spesso anche gli escursionisti più attenti rimangono intrappolati, nei buchi poco visibili sul suolo e che conducono alle grotte.

Il presunto rapimento e la chiusura delle indagini

Per i genitori, Iuschra Gazi sarebbe stata rapita, ma gli inquirenti non sono mai riusciti a rilevare nessuna evidenza in questo senso.

Iuschra Gazi: 12enne autistica scomparsa: chiuse le indagini, è morta

Il padre di Iuschra Gazi, Mdliton Gazi. Foto: Ansa

Il padre, Mdliton Gazi, ha più volte lanciato appelli affinché i presunti rapitori la riportassero a casa, senza ottenere alcun esito. Nel registro degli indagati è iscritta l’operatrice della Fobap che l’aveva in carico quel 19 luglio in cui è scomparsa nel nulla.

La donna non dovrà rispondere del reato di lesioni colpose ipotizzato inizialmente, ma di quello di omicidio colposo.

La Procura di Brescia ritiene infatti che la bambina sia ormai morta ed è per questo motivo che ha chiuso le indagini: è impossibile che sia sopravvissuta tutto questo tempo, considerata anche la sua patologia. L’educatrice della Fobap avrà 20 giorni per presentare le memorie difensive e con ogni probabilità verrà rinviata a giudizio. Spetterà poi ai giudici appurare tutte le responsabilità dell’operatrice nella morte di Iuschra Gazi. I genitori della bambina sono distrutti.