carabinieri

La vicenda è accaduta lo scorso 14 luglio a Como ma solamente oggi sono stati eseguiti gli arresti per gli abusanti. Ancora una vergognosa vicenda che come protagonista ha una violenza di gruppo. Da un lato, le vittime, 4 minorenni; dall’altro i carnefici, 5 ragazzi.

Violenza di gruppo a Como a danni di minorenni

Ad oggi sembra essere chiaro cosa sia accaduto quest’estate, precisamente il 14 luglio scorso. La triste vicenda arriva da Como, dove questa mattina gli agenti dei Carabinieri hanno reso esecutivi gli arresti per 5 ragazzi di origine straniera, 3 maggiorenni e 2 minorenni. Il gruppo di amici, in quell’occasione, si era reso protagonista di un brutale violenza di gruppo, perpetrata con violenza ai danni di 4 ragazzine come loro, tutte minorenni.

Carabinieri

*immagine di repertorio

Chiuse dentro una stanza e minacciate

Di quali siano gli antefatti alla vicenda, non si sa molto se non nulla ma sicuramente ora è molto più chiaro il quadro situazionale su quanto accaduto nella casa di una delle persone che questa mattina è finita in manette. Il gruppo di amici, 3 albanesi e 2 marocchini, sarebbero stati sotto l’effetto dell’alcool e di sostanze stupefacenti quando hanno trascinato con la forza 4 ragazzine minorenni dentro ad una stanza, a casa di uno di loro.

Le loro intenzioni sul da farsi erano particolarmente chiare. Dopo averle meramente sequestrate, chiuse dentro la stanza senza la possibilità di scappare, le ragazzine sono state prese di mira dai giovani con minacce e violenze. Un inferno che si è consumato per ore: hanno cercato di violentarle con la forza, minacciandole di buttarle giù dalla finestra. Una di loro, di appena 16 anni, è stata poi effettivamente abusata – su questo dettaglio, sembrano divergere le ricostruzioni – dopo essere stata presa a morsi lungo tutto il corpo.

Ora le accuse sono concorso in violenza sessuale di gruppo, lesioni e sequestro di persone: a rispondere di ciò, saranno proprio i ragazzi, fermati e arrestati questa mattina dopo la decisione dei due giudici per le indagini preliminari.

carabinieri arresto manette

Immagine di repertorio