ospedale

Una storia di commovente umanità e di grande solidarietà arriva dalla Puglia e dall’India. La pediatra Pierangela Rana di Bisceglie, in provincia di Bari, ha compiuto un gesto estremamente nobile nei confronti di un bimbo indiano di 3 anni, Kasi. Pierangela è una volontaria, oltre che una pediatra di famiglia: da 8 anni collabora, infatti, con l’associazione CCWW recandosi in India e in Etiopia. Vi resta almeno 3 o 4 settimane, per curare i bambini. Durante uno di questi viaggi, la donna ha incontrato Kasi, un bambino sfigurato da un terribile incidente. L’incontro è stato fatidico: Pierangela ha sentito l’estremo bisogno di salvarlo dalla deformazione che, altrimenti, lo avrebbe condannato per il resto della sua vita.

La storia di Kasi

Il piccolo Kasi è un bambino indiano, caduto nel fuoco davanti alla sua capanna, quando ancora faticava a camminare. L’incidente ha segnato per sempre la sua vita, lasciandolo sfigurato.
Pierangela lo ha incontrato una mattina e ha raccontato così quel momento importante: “Quella mattina siamo passati a visitare i bambini – uno sgangherato tavolo di plastica funge da lettino. Ho notato che un piccolino di neanche 3 anni non sollevava dal banco la testina che teneva appoggiata sul braccio come se dormisse.

Ho chiesto di vederlo. Non so se per dolore o rabbia o indignazione o per tutte queste cose insieme, ma è scattato allora l’irrefrenabile bisogno di salvare Kasi dalla condanna di essere deformato per tutta la vita“.

pierangela rana

Un post Facebook pubblicato dalla pediatra Pierangela Rana. Fonte/Facebook Pierangela Rana

La raccolta fondi per Kasi

Pierangela si è subito attivata per trovare il modo di operare il bambino e farlo sentire di nuovo uguale agli altri. Purtroppo, però, all’ospedale governativo indiano le cure sono a pagamento. Il chirurgo plastico ha chiesto 2.500 € per ogni intervento: gli interventi, nel complesso, sarebbero una decina.

Una spesa difficilmente sostenibile. Ma Pierangela non si è arresa e ha inaugurato una raccolta fondi, facendo appello alla pubblica solidarietà. La storia di Kasi ha commosso molti cuori: Pierangela si è detta “investita da un’ondata di solidarietà” e, grazie al contributo di tutti i partecipanti, ha inviato il bonifico per il primo intervento. Sembra che anche i soldi per il secondo intervento siano già stati raccolti quasi del tutto. Con un affetto del genere, la vita di Kasi non potrà che migliorare.

Per saperne di più sulla raccolta fondi, visitare la pagina Facebook personale della dottoressa Pierangela Rana.

pierangela rana

Un post Facebook pubblicato dalla pediatra Pierangela Rana. Fonte/Facebook Pierangela Rana

*in evidenza: immagine di repertorio