People-Prima le persone“, con questo slogan 200mila persone circa, 250mila secondo gli organizzatori, si sono trovate a Milano per partecipare alla sfilata contro il razzismo. Persone di tutte le età e di molte le nazionalità hanno manifestato per rimettere le persone al centro del dibattito politico, chiedendo diritti uguali per tutti. La diversità come valore aggiunto alla società il leitmotiv della manifestazione, che ha assunto toni critici contro alcune politiche del  governo gialloverde.

Milano in festa per la manifestazione anti-razzista: 200mila in piazza

Un’adesione straordinaria alla manifestazione indetta a Milano: più di mille le associazioni presenti, tra cui diverse Ong come Medici senza Frontiere, Emergency, Amnesty International e Sea Watch.

Ma anche sindacati, politici e persone comuni, soprattutto quest’ultime al centro della sfilata che da via Palestro è arrivata a piazza Duomo. Presenti le comunità di stranieri che vivono in Italia, che hanno aderito alla manifestazione, ma anche giovanissimi, studenti, coppie con bambini: una varietà omogenea nelle sue richieste di una società più aperta.

Un fiume in piena di colori, canti e musiche, per scacciare la paura che, secondo i partecipanti, sarebbe fomentata dalle politiche “prima gli italiani” di Matteo Salvini.

Proprio dallo slogan del ministro dell’Interno prende le mosse la frase simbolo della manifestazione, “Prima le persone”.

La soddisfazione di Beppe Sala: “Siamo a uno spartiacque”

Una straordinaria prova di cittadini che fanno politica, secondo il sindaco del capoluogo lombardo Beppe Sala: “Se c’è una città che può dimostrare i benefici di una visione internazionale quella è Milano e non è solo il tema del rapporto sull’immigrazione: sono i dati, i dati delle tantissime imprese aperte da stranieri a Milano e il fatto che nelle nostre scuole pochissimi bambini immigrati hanno bisogno di assistenza con l’italiano perché alla fine sono bambini italiani“.

Insieme al primo cittadino anche Pierfrancesco Majorino, assessore alle Politiche sociali e promotore della manifestazione.


Presenti alla manifestazioni personalità politiche del centro-sinistra nazionale, come i candidati alla segreteria del Partito Democratico Maurizio Martina e Nicola Zingaretti. Anche l’ex presidente della Camera Laura Boldrini ha preso parte alla sfilata, così come Marco Bentivogli, segretario di Fim Cisl: “C’è un Italia che non si è fatta fregare.

Non accetterà mai di farsi spaventare dagli impresari della paura. E che vuole che i politici non seminino odio e costruiscano il futuro!“, ha twittato il sindacalista.

Claudio Bisio: “Sempre prima le persone”

Anche l’attore Claudio Bisio ha partecipato alla manifestazione. “Ho sempre detto quello che pensavo e continuerò a farlo perché questa è l’Italia che mi piace. Sono molto orgoglioso della mia città. Una manifestazione bellissima e pacifica“, ha commentato l’attore, “C’è un po’ di diffidenza, di paura. Siamo qui per dimostrare che non c’è da aver paura“.

Foto di copertina: Gianmarco Mattoccia/Instagram