Ancora una mamma record a Como: a soli 39 anni partorisce l'11esimo figlio

Record a Como. Dopo il caso della 38enne Claudia Guffanti, che qualche giorno fa ha dato alla luce il suo undicesimo bebé, Giuditta,  ora c’è anche mamma Lidia. Sempre a Como, la 39enne ha appeso alla porta di casa l’undicesimo fiocco. Sabato 2 marzo all’ospedale Sant’Anna è infatti nato l’ultimo figlio, avuto dal marito Ionel, 45 anni. Insieme vivono a Lurate Caccivio, dove si attende il nuovo arrivato Filip, messo al mondo con parto naturale, come tutti gli altri figli della coppia e senza alcuna complicazione. Il piccolo pesava 3,890 chilogrammi.

Tutta la famiglia attende l’arrivo di Filip a casa

L’ultimo, dunque, di una numerosissima famiglia, composta da 6 maschi e 4 femmine: Emanuel, 19 anni; Samuel, 18; Abel, 17; David, 16; Abigail, 14; Cristina, 12; Sara, 10; Daniel, 7; Beniamin, 5; Marta, 4.

Mamma e papà hanno accolto con grande tenerezza e commozione l’arrivo del piccolo, così come il resto della famiglia. La notizia è giunta con grande gioia anche ai concittadini delle due famiglie.

Neonatologia

Neonatologia, Immagine generica\Ansa

“Oggi assistere all’undicesimo parto di una mamma è un evento raro”

Il 2019, infatti, non sembrava portare buone notizie per le province di Como. Le statistiche parlavano di un preoccupante calo demografico registrato sul territorio: quasi mille nati in meno fra 2017 e 2018.

Come sostiene il primario Paolo Beretta“Oggi assistere all’undicesimo parto di una mamma è un evento raro e richiede preparazione da parte dell’equipe medica, perché in caso di donna pluripara sono necessarie molte attenzioni, in particolare in fase di travaglio”, riporta L’Avvenire. Per fortuna, per Lidia, non sembrano esserci state particolari complicazioni, sta già allattando il piccolo Filip ed è pronta a tornare a casa con lui.

Nascite

Immagine di repertorio\Ansa

Fondamentale la collaborazione di tutta la famiglia

Come dichiarano a L’Avvenire le ostetriche ed il primario che hanno assistito la neomamma record“La signora Chindea ha affrontato le gravidanze con serenità e anche per gli altri figli è stata seguita da noi”.

Fondamentale, adesso, sarà la collaborazione ed il sostegno di tutta la famiglia, anche se, come ribadisce lo staff medico, quello di Lidia è un nucleo famigliare molto unito. Ogni figlio è stato voluto e cercato da mamma e papà Ionel, muratore e grandissimo lavoratore, attento ai bisogni della famiglia. “Ci testimoniano l’espressione più bella della genitorialità”, conclude il dottor Beretta,i figli come frutto dell’amore che anima la coppia”.